Coldiretti: basta al falso Made in Italy

07 coldiretti Gulinelli

Montecitorio, Reggio Emilia e il Brennero. Sono le tre tappe della protesta di Coldiretti, ancora una volta scesa nelle piazze e nelle strade per protestare con il falso made in italy, dannoso per le aziende agroalimentari e per i consumatori.

“Abbiamo ribadito l’importanza di una etichettatura – puntualizza il Presidente Sergio Gulinelli – che deve riportare tutti i dati possibili, in termini di tracciabilità, partendo dall’origine delle materie prime.

“Da anni – dice ancora Gulinelli – subiamo le difficoltà e le lungaggini dettate da una burocrazie fin troppo invadente”.

“E’ evidente – conclude Gulinelli – la necessità di arrivare ad avere regole uguali e condivise, per tutti i paesi della comunità europea e non che ognuno possa fare riferimento ad un proprio disciplinare.

%CODE%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *