Coldiretti: “Giove ionico” presentato in anteprima nazionale alla sagra dell’arachide – VIDEO

Il giornalista e scrittore Nunzio Primavera, già attivo in Confederazione Nazionale, racconta nella sua ultima opera letteraria, condizioni, situazioni, aneddoti legati all’evoluzione dell’Italia agricola in connessione con la storia di Coldiretti e la riforma agraria.

Impreziosita dalla presenza del presidente nazionale dei Senior di Coldiretti, Giorgio Grenzi, si è svolta martedì a Mezzogoro, presso la Sagra dell’Arachide e del Pop-corn, la prima presentazione pubblica dell’ultimo romanzo di Nunzio Primavera, che dopo anni di lavoro nell’ufficio stampa e nella segreteria della presidenza della Confederazione Nazionale Coldiretti, da qualche anno si à dedicato alla scrittura di libri, dalla storia dell’organizzazione da Bonomi alla riforma agraria, ed ora anche a romanzi nei quali non mancano in ogni caso i riferimenti a Coldiretti ed a situazioni che riflettono la realtà rurale dal dopo guerra ad oggi.

Tessuto narrativo che si trova anche in “Giove Ionico – Storie tra sismi ed amori”, che l’autore ha raccontato di fronte agli intervenuti all’evento organizzato da Coldiretti Ferrara in una serata dove protagonisti sono stati le donne e gli uomini dell’organizzazione e la storia di Coldiretti nei primi anni di vita, nei quali si impressero i caratteri fondanti della principale associazione agricola italiana, i suoi principi, le sue articolazioni di rappresentanza.

NUNZIO PRIMAVERA 2022 SAGRa arachidePur essendo ambientato in Sicilia e Calabria, i temi del riscatto sociale dei contadini, la riforma agraria che dal latifondismo riuscì a dare terre e dignità ad una generazione di nuovi agricoltori, la costituzione di una grande organizzazione di rappresentanza, come appunto Coldiretti, con i protagonisti di quegli anni, in primis Paolo Bonomi, la sua capacità di dare voce alle donne (Movimento Femminile), ai giovani (dai Club 3P, al Movimento Giovanile), ai pensionati (ora Senior), sono universali e adattabili ad ogni latitudine, compresa la nostra provincia terra di agricoltura e di riforme, di bonifiche ed assegnazioni, di piccoli agricoltori e braccianti.

Sollecitato dalle domande di Filippo Pallara (delegato di Giovani Impresa Ferrara), Monia Dalla Libera (rappresentante di Donne Impresa Ferrara) e di Marco Bianconi (Senior Coldiretti Ferrara), dopo l’intervento di apertura del presidente provinciale Floriano Tassinari (che ha sottolineato il valore del settore agricolo, in questi mesi riscoperto come “primario” per la sua capacità di produrre cibo e contribuire alla tenuta sociale, con i vari passaggi che dal 1992 ad oggi hanno connotato Coldiretti, sia a livello nazionale che provinciale), l’autore ha evidenziato le scelte vincenti e dalla parte giusta della Storia fatte da Coldiretti, dando voce alle donne, favorendo l’aggregazione e l’attività dei giovani, costruendo percorsi di tutela per i più anziani, ricordando episodi in cui la realtà storica vissuta, si intreccia con la trama del romanzo.

RELATORI PRESENTAZIONE LIBRO PRIMAVERA 22Alessandro Visotti, direttore provinciale di Coldiretti, che ha condotto la serata, ha ringraziato tutti i presenti e gli ospiti, nel contesto della sagra che vuole porre come occasione di promozione di un prodotto e di una filiera completa, e che come Federazione di Ferrara è stata condivisa ed animata in tre situazioni esemplificative: il mercato contadino, l’attività di educazione con Campagna Amica ed appunto la presentazione del libro Giove Ionico, ringraziando tutto il personale che si impegnato per la loro buona riuscita. Mauro Tonello, fautore della sagra, oltre che presidente di SIS e di Pasta Ghigi e coltivatore di arachidi, ha fatto alcune considerazioni in merito alla capacità di fare impresa, alla visione ed alla accettazione del rischio delle proprie scelte, ritenendo che punto fondamentale per il settore agricolo debba essere il riconoscimento del valore dei prodotti e quindi anche un prezzo e quindi un reddito dignitoso per gli agricoltori. Presente alla serata, non ha fatto mancare il proprio intervento il presidente nazionale dei Senior Coldiretti, Giorgio Grenzi, che nel raccontare quanto fatto a livello nazionale, in ambito Coldiretti, ha toccato situazioni del nostro territorio e realtà amare per il sistema di welfare italiano, concentrandosi poi sulle tematiche più specifiche dei progetti presentati, in corso di realizzazione o ultimati in attesa di pubblicazione, per dare voce ed al contempo risposte ad una fetta crescente della popolazione italiana, che necessita di innovazione e vicinanza delle istituzioni per mantenersi in forma, fare movimento, avere il giusto supporto laddove necessario e poter contare su un sistema sanitario che non si fermi più ad essere “azienda” ma sia al fianco dei milioni di italiani che ne hanno bisogno.

Ultimata la presentazione, con la distribuzione di una copia autografata a tutti i presenti, la serata si è conclusa negli stand della sagra, assaggiando le preparazioni dello staff coordinati dal “cuoco agricoltore” Luca Bellini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.