Coldiretti, pesce a Natale

pesce_azzurro

800 milioni di euro. E’ quanto spenderanno gli italiani durante le festività natalizie, con la cena della vigilia che, come sempre, farà registrare il consumo più elevato dell’anno.

La stima è di Impresapesca Coldiretti che sottolinea l’arrivo di novità per la tradizionale cena a base di pesce della vigilia di Natale, perchè scatta l’obbligo di indicare chiaramente dove è stato pescato con quale attrezzo, mentre per quello allevato andrà messo in etichetta il paese di origine.

Se state per accingervi all’acquisto del pesce da portare in tavola, Impresapesca Coldiretti, suggerisce qualche accorgimento per scegliere quello più fresco.

La prima regola è acquistarlo, dove è possibile, direttamente dal produttore che garantisce la freschezza del pescato; verificare sul bancone l’etichetta, che per legge deve prevedere le zone di pesca; verificare che la carne abbia una consistenza soda ed elastica, che le branchie abbiano un colore rosso o rosato e siano umide, e che gli occhi non siano secchi o opachi, mentre l’odore non deve essere forte e sgradevole; per molluschi e mitili è essenziale che il guscio sia chiuso e infine, è meglio non scegliere i pesci già mutilati della testa e delle pinne.

Per quanto riguarda un possibile menù italiano al cento per cento, si può scegliere il pesce proveniente dagli allevamenti di acquacoltura e allora Impresapesca Coldiretti suggerisce come antipasto anguilla marinata e carpaccio di trota; per primo pennette con sugo di trota salmonata e per secondo, orata o spigola al forno con pomodorini e patate. Spesa complessiva: 30 euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.