Coldiretti: prezzo del latte da fame

Sta creando tensione tra gli allevatori dell’Emilia-Romagna e di Ferrara il mancato accordo con le industrie di trasformazione sul rinnovo del prezzo del latte. Lo comunica Coldiretti regionale, sottolineando che la crisi economica e il boom dei costi stanno mettendo in crisi gli allevamenti che producono latte a destinazione alimentare.

“Il prezzo di 38 centesimi al litro pagato alla stalla poteva andare bene fino alla scorsa primavera – ha detto il presidente di Coldiretti Emilia Romagna, Mauro Tonello – ma adesso i costi di produzione sono aumentati di quasi il 40% e non è più sostenibile un prezzo fermo a sei mesi fa”. In Regione – ricorda Coldiretti – si producono 1 milione e 800 mila tonnellate di latte, la maggioranza dei quali destinati alla trasformazione in Parmigiano Reggiano.

“Ci sono però 300 mila tonnellate di latte destinato al consumo alimentare, che vengono prodotti soprattutto nell’area tra Ferrara, Modena e Bologna”  spiega Tonello. “Se non c’é una adeguata remunerazione”, dice, “il rischio è lo spopolamento di aree agricole anche disagiate”.

Un altro settore collegato agli allevamenti sarebbe in sofferenza. Si tratta della produzione di mais.

La siccità per Coldiretti ha fatto crollare la produttività da una media di 100 a 40 quintali ad ettaro. Nessun aumento dei prezzi quindi, conclude il presidente, può compensare un simile crollo produttivo.

[flv]http://telestense-view.4me.it/api/xpublisher/resources/weebopublisher/getContentDescriptor?clientId=telestense&contentId=fb662b78-81e1-45fc-a324-05a3f1f4554d&channelType=STREAMHTTPFLASH[/flv]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *