Comacchio, anziano ucciso con colpi di pietra

Foto d'archivio

Nuovo sopralluogo dei carabinieri nel vivaio di San Giuseppe di Comacchio in cui ieri sera è stato trovato morto il titolare, Luciano Spadari, di 74 anni. Gli investigatori dell’Arma sono tornati sul luogo del delitto con le tre figlie della vittima, alla ricerca di indizi utili a far luce sulla morte dell’anziano.

Il delitto resta infatti avvolto nel mistero. Nella notte i carabinieri, agli ordini del capitano Luca Nozza, hanno raccolto la testimonianza di alcuni dipendenti romeni del vivaio. Uno di questi, secondo quanto si apprende, avrebbe riferito di essere stato sostituito al vivaio per alcuni giorni da un connazionale, che non è ancora stato rintracciato.

Al momento, però, gli investigatori non hanno sospetti e indagano su tutte le piste. L’unica certezza è l’arma del delitto: i primi accertamenti della scientifica hanno infatti confermato che l’anziano agricoltore è stato ucciso a colpi di pietra. L’assassino, o gli assassini, hanno poi cercato di nascondere il cadavere tra le piante del vivaio, dove ieri sera l’ha trovato il fratello, che non aveva più sue notizie da giovedì sera. (ANSA).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *