Comacchio, il referendum della rabbia

XX referendum comacchio-1

Al voto oggi la città lagunare per scegliere di andare con la Romagna. Alle ore 12 la percentuale dei votanti era appena oltre l’8%.

Un po’ di fiacca al mattino ma nel pomeriggio c’è stata la ripresa e i comacchiesi sono andati a votare per il referendum consultivo che potrebbe staccare la città lagunare da Ferrara e aggregarla alla Romagna e a Ravenna.

Alle ore 12 l’affluenza era di appena 8,32% su oltre 19mila votanti.

Una percentuale che non lascia presagire i risultati raggiunti da Comacchio con le altre consultazioni come ad esempio il Referendum sull’acqua pubblica del 2011 dove andò a votare l’oltre 48% dei comacchiesi o le amministrative del 2012 in cui il nuovo sindaco fu scelto da oltre il 59% dei votanti. Un referendum che comunque sarà valido con qualsiasi percentuale di votanti visto che il consiglio comunale

Oggi tuttavia chi è andato a votare lo ha fatto per dare un messaggio forte alle istituzioni del territorio, ma soprattutto a quelle ferraresi.

Un pensiero su “Comacchio, il referendum della rabbia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *