Comacchio: Pdl e Movimento 5 stelle ai ferri corti sulla questione dell’ospedale S.Camillo

Antonio di Munno
Antonio Di Munno
Capogruppo Pdl e Lista elettorale Il Faro

Il partito all’opposizione punta il dito contro i grillini e il sindaco Fabbri, definendo la politica del movimento pentastellare ‘poco trasparente e furbesca”.

“Siamo per la trasparenza e non per lo stile furbesco di sottobanco che non ci appartiene”.

E’ questo il passaggio più duro del comunicato del capogruppo del Pdl e della Lista elettorale Il Faro, Antonio di Munno, nei confronti del sindaco Marco Fabbri, sulla vicenda dell’ospedale S.Camillo di Comacchio

Sulla struttura sanitaria da tempo è in corso una battaglia che vede sui versanti opposti istituzioni e cittadini: da una parte Regione, Provincia, Azienda Usl e Prefettura, dall’altra il Comune di Comacchio, il Consiglio Comunale (tranne il Pd) e molti cittadini lagunari che da settimane stanno occupando il S.Camillo per evitare ai pediatri di libera scelta di portarvi i loro ambulatori. Un passaggio che porterebbe ulteriormente verso la trasformazione della struttura ospedaliera in Casa della Salute.

Una vicenda dai risvolti politici rilevanti perché se fino a quindici giorni fa, in consiglio comunale, il fronte del No alla trasformazione del S.Camillo in Casa della Salute era compatto, in queste ore arrivano le prime crepe nell’alleanza.

“Desideriamo affermare con chiarezza che non abbiamo bisogno di costole trasformiste del Partito Democratico, perché Comacchio ha già dato” – spiega di il Pidellino Di Munno che punta il dito contro il sindaco Marco Fabbri ed il movimento 5 stelle, colpevoli, secondo di Munno di ‘comportamenti equivoci e poco lineari’. Alla base di tutto ci sarebbe un incontro ‘segreto’ in Regione a Bologna tra Fabbri ed Errani (smentito però dal primo cittadino di Comacchio) avente come tema il futuro del S.Camillo. “Un incontro quello con Errani che, secondo i patti presi con la cittadinanza, deve avvenire partendo dal documento-progetto di fattibilità per la salvaguardia del S.Camillo ma che -per Di Munno- rischia invece di non essere affrontato. Un incontro durante il quale ci verrà riferito quanto già ventilato dal sindaco in una sua dichiarazione del 15 novembre: “o Casa della Salute o niente” .

“In questa partita il Pdl onorerà il mandato conferito dalla commissione sanitaria e dalle forze politiche definite nella proposta-documento e rammentiamo anche al sindaco Fabbri che il suo atteggiamento di poca trasparenza, conclude Di Munno, potrebbe provocare ripercussioni in tema di ordine pubblico”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *