“Comandante carabinieri di Copparo non commise reato”: procura di Ferrara archivia – VIDEO

“Soddisfatti sia dell’esito del procedimento penale, sia della richiesta di archiviazione del gip che restituisce onore e dignità ad una persone che cerca ogni giorno di tutelare i cittadini e che stavolta si è trovato dall’altra parte”. Questo il commento dell’avvocato Denis Lovison, difensore del maggiore Giorgio Feola che a fine dicembre dello scorso anno era stato denunciato dal segretario generale della Cgil di Ferrara Cristiano Zagatti e dal collega della Funzione Pubblica Natale Vitali.

L’accusa del sindacato di Piazza Verdi nei confronti del comandante dei carabinieri di Copparo era stata quella di avere “impedito al personale sanitario del 118 di prestare le dovute cure ad una persona in stato di arresto trattenuta presso la caserma di Copparo”. Una denuncia arrivata anche a Roma con una interrogazione parlamentare.

Per la Procura di Ferrara, invece, il Comandante dei carabinieri non ha commesso nessun reato.

La richiesta di archivio presentata dal Pm Savino è stata accolta dalla giudice per le indagini preliminari Silva Marini, che non ha ravvisato reati nella condotta tenuta dal comandante l’11 settembre dello scorso anno nel cortile della caserma dell’Arma a Copparo.

“Resta il dispiacere per come il maggiore Feola sia stato attaccato prima ancora che ci fossero delle decisioni prese da parte della Procura” conclude il legale del comandate dei carabinieri che annuncia già una possibile procedimento, di natura civile, per danno d’immagine

“Finalmente è stata stabilita la piena verità, e cioè che nessuna violazione fu commessa quell’11 settembre dello scorso anno”, scrive Anna Maria Bernini, presidente dei senatori di Forza Italia. “Una pronuncia, quella del Giudice, che restituisce giustizia e dignità al maggiore Feola, sempre stimato e apprezzato per il suo impegno al servizio della comunità” ha concluso la senatrice azzurra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *