Come cambiano le mete del turismo

06 turismo

Aumentano le prenotazioni verso l’Italia per le vacanze pasquali, a fronte del calo di mete estere, soprattutto se recentemente colpite da attentati terroristici.

Come sta cambiando il turismo sulla base degli attentati terroristici? Per quanto gli italiani non rinuncino a vacanze e momenti di relax (anche all’estero), la geografia degli spostamenti più quotati si sta modificando rispetto a quanto accadeva soltanto pochi anni fa. I primi Paesi a risentire della “paura” sono stati quelli nord-Africani, Tunisia ed Egitto in primis, entrambe mete che uniscono la vacanza balneare a quella culturale. La Tunisia, in particolare, paga lo scotto anche della sospensione delle crociere.

Diverse navi, infatti, hanno sostituito la tappa di Tunisi con altre città, ritenute meno a rischio, sul bacino del Mediterraneo. Negli ultimi mesi, tuttavia, il timore si è spostato anche su capitali europee, tali da ribaltare alcuni dati. Il più clamoroso e recente arriva da Catania. Secondo i dati di Skyscanner, uno dei più noti motori di ricerca di voli aerei, la città siciliana supera Parigi tra le mete delle vacanze pasquali del 2016. Soltanto Spagna e Regno Unito mantengono un lieve trend positivo (+6% per la prima, +2% per il secondo), a fronte di cali di molte altre località “tradizionali”, ma soprattutto dell’impennata dell’Italia che registra un +12%. I recenti attentati di Bruxelles potrebbero incidere negativamente tra chi decide di prenotare un volo “last minute”, ma nel complesso – secondo dati aggiornati alla scorsa settimana – il trend del 2016 segna già un aumento delle prenotazioni di oltre il 17% rispetto alla Pasqua di un anno fa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *