I Comuni Riserva Mab del Delta Po chiedono la Carta Europea del Turismo Sostenibile

Si è svolto oggi, giovedì 9 maggio 2019, presso il Palazzo Bellini di Comacchio l’incontro sul percorso della Carta Europea del Turismo Sostenibile (CETS) che riguarda i territori dei Comuni della Riserva di Biosfera del Delta del Po e i due Parchi Regionali del Delta del Po, dell’Emilia-Romagna e del Veneto.

L’incontro, che è stato preceduto da un breve saluto del Presidente dell’Ente di Gestione per i Parchi e la Biodiversità – Delta del Po Marco Fabbri, ha visto l’intervento della Direttrice la Dott.ssa Pagliarusco che ha introdotto la CETS, spiegando i principi che la guidano, gli obiettivi che questa certificazione si pone e i vantaggi connessi.

La Carta Europea per il Turismo Sostenibile nelle Aree Protette (CETS) è uno strumento metodologico ed una certificazione che permette una migliore gestione delle aree protette per lo sviluppo del turismo sostenibile. L’elemento centrale della Carta è la collaborazione tra tutte le parti interessate a sviluppare una strategia comune ed un piano d’azione per lo sviluppo turistico, sulla base di un’analisi approfondita della situazione locale. L’obiettivo è la tutela del patrimonio naturale e culturale e il continuo miglioramento della gestione del turismo nell’area protetta a favore dell’ambiente, della popolazione locale, delle imprese e dei visitatori.

La parola è poi passata a Filippo Lenzerini, consulente per Federparchi nel percorso per l’ottenimento della CETS che invece è entrato nel vivo dell’incontro che si concentrava sull’analisi e la lettura della bozza della Strategia che contiene gli obiettivi, contestualizzati al territorio del Delta del Po e strutturati attorno a tre pilastri: ampliamento della stagione, maggior distribuzione dei flussi turistici sul territorio e infine una maggior collaborazione e coordinamento.

Poi è stata presentata la bozza del Piano d’Azione, che, insieme alla Strategia, costituisce il cuore della Candidatura stessa. Su quest’ultima è stato chiesto ai soggetti presenti all’incontro di condividere con i propri associati la struttura della CETS e di integrare il Piano d’Azione con le loro proposte progettuali. La scadenza per la presentazione dei progetti è stata fissata per il 18 maggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *