Con “Odissea” alla scuola Tasso si conclude il progetto teatrale “Sguardi Diversi”

In calendario per domani, martedì 1 giugno alle 16 alla scuola Tasso l’evento conclusivo del progetto teatrale “Sguardi Diversi”, promosso dall’Osservatorio Adolescenti del Servizio Giovani in collaborazione con l’Ufficio Alunni Stranieri dell’Istituzione Servizi Educativi, Scolastici e per le Famiglie del Comune di Ferrara: “Odissea”.

L’ingresso sarà riservato e consentito nel rispetto delle misure vigenti di prevenzione e contenimento della diffusione del virus covid19. Il laboratorio ha percorso tutto l’anno scolastico, ha coinvolto gli alunni delle prime classi medie della scuola secondaria “Torquato Tasso” ed è stato condotto da Michalis Traitsis, regista e pedagogo teatrale di Balamòs Teatro.
Per info: www.balamosteatro.org

“Odissea”, sono le eroiche avventure, sventure, miti, leggende, raccontate dagli allievi del laboratorio teatrale diretto da Michalis Traitsis. L’Odissea è il “poema di Odisseo”, l’ultimo degli eroi greci a ritornare a casa dopo la guerra di Troia, di cui vengono narrate le lunghe avventure che dilatano il suo viaggio di ritorno, l’eroe impiegherà dieci anni, una volta salpato da Troia, per tornare a Itaca, conoscere il figlio Telemaco lasciato neonato e raggiungere la moglie Penelope.

I viaggi che Odisseo deve affrontare lo portano a vagare in luoghi fantastici dove incontra ninfe, maghi, mostri, creature talvolta maligne, ma, talvolta, anche beate e amorevolmente ospitali. Nell’Odissea più che la sua capacità di combattente emerge la sua intelligenza pratica. Ma come in ogni eroe, al successo, si affianca costantemente la sofferenza. E il poema di Odisseo è profondamente intriso di dolore umano: affrontare le avversità significa anche saper sopportare la sofferenza, significa essere, proprio come Odisseo, l’uomo dalle molte astuzie e insieme l’uomo che sa resistere a tutti i mali.

L’Odissea fatta con i ragazzi, perché in un mondo che urla e strepita e ci propone la forza della rabbia come risoluzione delle contese, Odisseo è l’esempio di come con la forza dell’intelligenza si possano affrontare i conflitti e superare le situazioni difficili. Nonostante tutte le difficoltà che affronta il mondo della scuola oggi, il progetto “Sguardi Diversi” rappresenta un’opportunità di formazione attraverso le pratiche di laboratorio teatrale per le giovani generazioni.

L’anima del principio pedagogico del laboratorio è il desiderio di stare insieme, di raccontarsi più che mostrarsi, di mettersi alla prova, di navigare insieme per scoprirsi e scoprire altri orizzonti possibili, di affrontare insieme paure, giudizi e conflitti. Con una metodologia che tende, attraverso stimoli precisi, a rendere ciascuno degli allievi protagonista del proprio percorso e il regista come accompagnatore e facilitatore, disponibile a navigare con i ragazzi tra i moti calmi e ondosi del lavoro teatrale, tra scoperte e frustrazioni, tra le bonacce e tempeste della crescita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *