Concerto Bruce Springsteen a Ferrara: sindaco spiega perché al parco Urbano

Continua a tenere banco in città la discussione sul concerto di Bruce Springsteen al parco Urbano il prossimo maggio. Dopo il flashmob di ambientalisti e associazioni a inizio mese, oggi è intervenuto il sindaco di Ferrara.

La scelta di portare il mega concerto di Bruce Springsteen al parco Urbano di Ferrara e non in un’altra locazione della città avrebbe dei motivi ben precisi, spiegati dal sindaco di Ferrara, Alan Fabbri, in un post sui social.

Interviene sulle polemiche scaturite nei mesi scorsi riguardo alla scelta di portare decine di migliaia di persone nell’area verde.

I contrari al concertone al Bassani hanno proposto, per ospitare l’evento, la zona aeroporto, area privata e non pubblica, e Fabbri cita un articolo de Il Resto del Carlino in cui il presidente dell’Aeroclub esprime il proprio parere contrario a questa ipotesi.

Il sindaco inoltre sottolinea le motivazioni che hanno spinto a scegliere il parco Urbano rispetto all’aeroporto, tra cui evitare di intasare un’area particolarmente attiva come quella sud della città, il che graverebbe in particolare su San Giorgio, con le eventuali ricadute che per il primo cittadino sarebbero difficoltose.

Area sud già interessata dal maxi cantiere dell’interramento della ferrovia in via Bologna, e un concerto di quelle dimensioni, per primo cittadino, ne bloccherebbe per giorni le attività.

La zona parco Urbano, oltre ad essere di proprietà del Comune, è più gestibile, aggiunge il primo cittadino, e la viabilità non ne risentirebbe come in zona sud.

Inoltre, sottolinea Fabbri, si vuole assicurare al grande evento un contesto scenograficamente migliore.

Riguardo al tema ambientale, il sindaco ricorda che già in passato il Bassani accolse eventi di grande portata e aggiunge che l’alternativa al parco Urbano sarebbe non fare il concerto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *