Conferenza di fine anno, Tagliani: “A Ferrara vincerà il centro-sinistra”

“Percepisco che il centro-sinistra riuscirà ad imporsi alle elezioni amministrative di maggio e che i cittadini approveranno quello che abbiamo fatto in questi anni”: è un sindaco che ostenta ottimismo, nel corso della consueta conferenza che la Giunta Comunale tiene con la stampa a fine anno.

Tiziano Tagliani traccia così un bilancio sia degli ultimi dodici mesi, ma anche del suo doppio mandato, ormai prossimo al termine, dopo averlo fatto in consiglio comunale nel pomeriggio di giovedì 20 dicembre. Anni definiti tumultuosi dal primo cittadino, ma in cui Ferrara si è arricchita di turismo, di un aumento di studenti universitari, di riqualificazioni urbane e di una maggiore vivacità.

Nella prima parte dell’incontro, il sindaco ha ringraziato ogni singolo assessore, sottolineando i lavori realizzati con ognuno di essi e facendo il punto sul rapporto che la Giunta ha avuto con la città, ricordando che negli anni ha sempre cercato di ricevere chiunque ne avesse richiesto un incontro.

Tagliani, che ha ufficialmente reso noto che al termine del suo mandato tornera a fare l’avvocato a tempo pieno, non ha nascosto anche qualche rammarico, tra cui il mancato impianto geotermico che era stato al centro di numerosi dibattiti e confronti alcuni anni fa.

Nel complesso, tuttavia, sindaco e Giunta hanno messo in primo piano i risultati raggiunti. La prima a prendere parola è stata Caterina Ferri, che si è subito concentrata sulla raccolta differenziata, al centro di polemiche soltanto un anno fa, ma che in pochi mesi ha reso Ferrara, sotto questo profilo, la città più virtuosa d’Italia. Ferri ha anticipato la demolizione di un terzo inceneritore, l’apertura di uno sportello Hera in centro, oltre ad evidenziare il superamento della crisi della Viniloop e la vittoria della causa contro Solvay.

L’assessore Simone Merli ha invece parlato di passi avanti dello sport, non solo per quanto ottenuto dalla Spal, ma per tutto ciò che è stato fatto per le discipline cosiddette minori, per il fatto che oggi c’è molta più attenzione a chi è portatore di disabilità, e per la legge regionale sullo sport, nata a Ferrara, e che ha portato a fondi importanti per ottenere maggiore sostegno.

Riqualificazione e rigenerazione urbana, invece, sono stati i temi di Roberta Fusari, che ha evidenziato l’utilizzo di bandi esterni per finanziare i progetti realizzati e in cantiere, che vanno – per citarne alcuni – dal Palazzo degli Specchi ai lavori in zona Darsena.

Orgoglioso dei risultati ottenuti anche Massimo Maisto che ha raccontato della crescita degli eventi culturali e delle mostre, grazie all’aiuto di risorse private che non hanno inciso in maniera marginale sul bilancio del Comune. Inoltre, lo stesso assessore alla cultura ha ricordato la nascita di spazi quali Ferrara Off, Wunderkammer, Grisù ed altri ancora che non si esauriscono con l’attuale amministrazione comunale e che continueranno ad essere una risorsa per la città.

Con Roberto Serra si è parlato di commercio, di rapporto con le associazioni di categoria e di alcune anticipazioni: gli attesi lavori dei locali Ex Bazzi-Coloniali dovrebbero completarsi entro la fine di marzo 2019, per poi procedere all’inaugurazione del ristorante birreria che vi subentrerà.

Chiara Sapigni ha parlato del valore di Asp e dell’edilizia popolare a Ferrara, ma ha soprattutto sottolineato la solidarietà collettiva che si è creata con la nascita dell’emporio Il Mantello, che ha permesso sostegno a persone in difficoltà economica, quasi tutto a carico di privati che hanno spontaneamente deciso di aderire.

I ringraziamenti della Giunta sono quasi sempre ricaduti sull’operato di Luca Vaccari, assessore al Bilancio che nell’ultimo anno peraltro non ha acceso nuovi mutui, utilizzando l’avanzo, in primis grazie a fondi post sisma.

A chiudere gli interventi della giunta è stato Aldo Modonesi, forse il più diretto di tutti che, oltre a ricordare le tante inaugurazioni ed i tanti lavori completati nel suo mandato (l’ultimo tassello che attende è il completamento della metropolitana di terra), ha ricordato che per amministrare un Comune serve una buona amministrazione e non facili slogan. Essenziali sono una struttura tecnica, una rete di relazione. E quindi, a suo dire, l’attuale epoca di falsi proclami sarà prossiamente superata.

L’incontro con la Giunta si è concluso con gli auguri di Buone Festività e con una domanda ancora priva di risposta: chi rappresenterà il centro-sinistra nelle elezioni comunale di maggio 2019?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *