Covid-19, Confindustria Emilia: “Si poteva riaprire il 20 aprile, ora serve un piano” – VIDEO

“Si potevano riaprire le aziende il 20 aprile, ora serve un piano”.

A dirlo Valter Caiumi, Presidente di Confindustria Emilia di cui fa parte anche Ferrara, questa mattina durante una conferenza stampa streaming in cui ha illustrato i dati di un questionario interno che certificherebbe la sicurezza sui posti di lavoro.

Intanto continuano i controlli nelle imprese coordinati dalla Prefettura di Ferrara.

Alla luce della diffusione del coronavirus il 70% delle imprese associate a Confindustria Emilia – che raggruppa le aziende di Bologna, Modena e Ferrara – ha registrato, lo scorso mese, un decremento degli ordini mentre sul fronte del fatturato – mettendo in prospettiva l’intero 2020 – il 94% stima una sua riduzione.

E’ quanto emerge da una indagine dell’associazione che ha chiesto alle 3.311 imprese iscritte di fare il punto della situazione al 31 marzo cui hanno risposto 851 aziende che rappresentano 52.000 dipendenti. Tali aziende registrano un fatturato annuo di 14 miliardi di euro e prevedono una flessione di ricavi pari a 3,5 miliardi di euro. “Se riportassimo la flessione su tutte le nostre imprese – è la stima di Confindustria Emilia – la flessione andrebbe dai 14 ai 18 miliardi di euro in un anno”.

Nel mese di marzo il 69% delle imprese ha chiesto la cassa integrazione.

Quello dettato dall’infezione, sottolinea il presidente di Confindustria Emilia, Valter Caiumi, è “uno sconvolgimento del mondo economico. Si parla di numeri che sono impressionanti” e ci saranno “problemi di occupazione'”. Per questo, chiosa, le imprese devono poter “ripartire” il prima possibile perché “la forma passiva uccide rispetto a una forma attiva anche micrometrica”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *