Consandolo, il marito confessa

Consandolo, il paese nel ferrarese vicino ad Argenta, teatro dell’omicidio di Raachida Lakdimi, è ancora sotto shock. A due giorni dal ritrovamento del corpo della donna marocchina di 39 anni, il marito della donna, Hassane Jendari di 41 anni, ha confessato.

L’avrebbe strangolata per motivi di gelosia e poi, dopo aver nascosto il corpo sotto il letto di casa, sarebbe scappato insieme ai due figli, due bambini di 2 e 5 anni. Dopo averli lasciati da dei parenti nel bolognese, Hassane ha raggiunto la Francia dove risiede la sorella che lo ha convinto a costituirsi alla gendarmerie.

E’ finita così la fuga dell’uomo ora accusato di omicidio. L’uomo è in stato di fermo in Francia. Non si danno pace i famigliari della vittima.

La madre, che vive in Marocco, sta attendendo il ritorno in patria della salama per dargli l’ultimo saluto. I due bambini saranno affidati ai loro famigliari residenti in Italia.

Raachida e Hassane erano sposati da 10 anni e a Consandolo erano conosciuti. Lui faceva l’artigiano, lei la colf. I vicini descrivono l’uomo come una persona taciturna, che non parlava mai.

Raachida era stata vista l’ultima volta lunedì. Poi, non rispondendo alle chiamate dei familiari, giovedì è stato lanciato l’allarme e in serata la macabra scoperta.

Questo è il nono omicidio in nove mesi in provincia di Ferrara, il sesto in provincia di Ferrara nel 2012. L’Udi e il Centro Donna Giustizia di Ferrara ieri sono intervenuti in merito all’assassinio: dall’inizio dell’anno sono già tre le donne uccise in provincia di Ferrara.

[flv image=”https://www.telestense.it/wp-content/uploads/2012/06/56.jpg”]rtmp://telestense.vod.weebo.it/vodservice/20120623_05.flv[/flv]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *