Consegna della panca di parapowerlifting al Cus Ferrara

Una breve ma sentita cerimonia ha visto la consegna – nella sede di via Liuzzo – di una panca speciale per parapowerlifting alla sezione di specialità del Cus Ferrara, che sarà propedeutica agli allenamenti specifici della campioncina di casa Azzurra Bovina che a 17 anni detiene il record italiano Juniores di categoria (-67kg), ma che sarà base su cui far nascere dei corsi per atleti diversamente abili.

La consegna della attrezzatura è stata resa possibile dal fattivo intervento di Tper, presente (in videoconferenza per precisa scelta aziendale) con la Presidente ed Amministratore delegato Giuseppina Gualtieri. Nella sede Cus di via Liuzzo con il Presidente Giorgio Tosi e il Direttore Carla Parolini a far gli onori di casa, erano invece Giuseppe Alberti, Delegato del Comitato Italiano Paralimpico per Ferrara, Mauro Borghi, direttore del Centro attività sportive paralimpiche, Luca Lunghi, delegato Cus per le attività paralimpiche. In veste ufficiale anche l’assessore allo sport del Comune di Ferrara Andrea Maggi ed il Delegato territoriale Coni Ruggero Tosi. Tutte le autorità hanno applaudito l’arrivo di Azzurra, accompagnata dalla famiglia (tutti agonisti della disciplina) e dal tecnico Luca Salani.

“Il nostro non è solo un sostegno formale – ha detto la Presidente Tper – ma sentito, di cuore e fatto con attenzione. L’azienda è vicina per priorità a queste iniziative fin dal 2015 e vi ringrazio perché voi date gambe al nostro sostegno”. La conferma è arrivata dal Presidente cussino Giorgio Tosi che ha ribadito come la sinergia sia fattiva con tanti progetti in varie discipline e da Alberti che ha sottolineato come il Cip locale sia cresciuto grazie a questi aiuti, passando da 2 società nel 2015 alle attuali 12, con la quota 16 nel mirino per il corrente anno. Mauro Borghi ha tenuto a precisare come questo percorso fatto assieme, abbia portato gli atleti paralimpici a poter scegliere il tipo di attività da svolgere. E questa è davvero una grande vittoria.

Luca Lunghi ha puntualizzato come in ambito Cus il concetto sia ben presente. Dai primi corsi di canottaggio del 2010 che hanno portato atleti alle Paralimpiadi di Londra e Rio si è sempre andati in evoluzione con altri corsi e progetti e si continua ora nel segno di Azzurra che – molto più a suo agio nel sollevare chili – ha voluto ringraziare di persona la dirigente promettendo ulteriori record. Da Ruggero Tosi la soddisfazione di vedere che questo tipo di sostegno – essenziale per fare attività – non è formale, ma mirato e sentito.

Dopo le formalità si è passati all’azione con Azzurra Bovina ed il tecnico Luca Salani che hanno fatto idealmente calare il velo sulla panca, permettendo cosi’ alla atleta di mostrare poi il gesto tecnico richiesto nelle competizioni, spiegando come si svolge una gara ufficiale.

NELLE FOTO: Azzurra Bovina ed il tecnico Luca Salani in alcuni momenti della cerimonia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.