Consulta italiani nel mondo E.R.: M5s, no ad associazioni con persone condannate

Giulia Gibertoni
Giulia Gibertoni

FONDI CONSULTA EMILIANO-ROMAGNOLI NEL MONDO, GIBERTONI (M5S): Bocciata la proposta di Giulia Gibertoni di escludere quelle associazioni che avessero all’interno dei loro direttivi persone condannate per reati contro la pubblica amministrazione.

“Il PD ancora una volta, dichiara Gibertoni, M5S,  se ne infischia della legalità votando contro la nostra proposta di escludere dalla Consulta degli emiliano-romagnoli nel mondo quelle associazioni che avessero all’interno dei loro direttivi dei condannati”. È questo il commento di Giulia Gibertoni dopo che il Partito Democratico ha bocciato in aula la proposta del MoVimento 5 Stelle riguardo alla regolamentazione dei requisiti per l’iscrizione nell’elenco regionale delle associazioni e delle federazioni fra associazioni di emiliano-romagnoli all’estero. “La nostra era una richiesta molto semplice e che aveva come unico obiettivo quello di far rispettare il principio della legalità anche all’interno dell’inutile Consulta degli emiliano-romagnoli nel mondo – spiega Giulia Gibertoni – Visto che la maggioranza continua a volerla a tutti i costi chiedevamo che almeno alla distribuzione di soldi pubblici non partecipassero i condannati. Particolare che però evidentemente non interessa più di tanto al PD che non si è solo limitato a bocciare la nostra proposta sbandierando un fantomatico limite tecnico ed applicativo ma ha pure votato contro un ordine del giorno in cui l’Assemblea si impegnava a superare in tempi brevi proprio quei limiti che lo stesso PD diceva di aver individuato. Insomma un pastrocchio bello e buono. La verità è che evidentemente non c’è da parte del partito di maggioranza in Regione di affrontare questo problema e che sarà rimandato a chissà quando. Il risultato è che anche chi è stato condannato per reati contro la pubblica amministrazione potrà tranquillamente usufruire dei fondi concessi dalla Consulta che, vale la pena ricordarlo, sono soldi pubblici”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *