Controlli a tappeto al Gad, aumento della microcriminalità – VIDEO

grattacieloControlli a tappeto della polizia di Ferrara e Bologna nella zona Gad contro la micro criminalità.

Un’area, soprattutto quella esterna al Grattacielo, finita sotto la lente di ingrandimento delle forze di polizia, perché qui – ha spiegato il Questore di Ferrara- si è intensificata la presenza di extracomunitari non residenti a Ferrara, che arrivano da fuori provincia, senza il permesso di soggiorno rilasciato dalla Questura estense.

Tre extracomunitari espulsi, una donna nigeriana accompagnata al centro di identificazione ed espulsione di Roma, un foglio di via obbligatorio per un nigeriano, perquisizioni domiciliari in Via Cassoli e nella torre B del grattacielo. E poi ancora sequestrati gr. 8 di cocaina, gr. 30 di marijuana e gr. 10 di hashish, due extracomunitari denunciati per detenzione e spaccio di droga, 4 esercizi commerciali controllati, 104 persone identificate.

E’ il risultato del servizio straordinario di controllo di polizia nel cuore della zona Gad, iniziato alle sei del mattino e conclusosi alle sette di sera, attuato nella giornata di venerdì 20 gennaio. Controlli a tappeto che hanno visto al lavoro sette pattuglie del reparto prevenzione crimine Emilia-Romagna orientale di Bologna, unità cinofile, agenti della squadra mobile di Ferrara e Bologna, ma anche unità dell’ufficio immigrazione, della divisione amministrativa e della polizia scientifica.

“Un’operazione che ha come obbiettivo -ha spiegato il Questore di Ferrara, Antonio Sbordone- quello di non abbassare la guardia e di contrastare la piccola criminalità legata soprattutto al fenomeno del microspaccio”. E sarebbe proprio questo l’elemento nuovo che si sta registrando nell’area del Grattacielo. Perché se all’interno della struttura che conta circa 200 appartamenti la situazione pare migliorata, all’esterno si registra la comparsa frequente di extracomunitari non residenti a Ferrara, che arrivano da fuori provincia, senza il permesso di soggiorno rilasciato dalla Questura estense.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *