Coopcostruttori: ecco la perizia

“Coopcostruttori ha goduto fino alla fine di un sostegno incredibile da parte dei suoi soci che hanno accettato condizioni inimmaginabili di un’impresa capitalistica e di relazioni sociali e politiche che le hanno consentito di godere del merito creditizio anche quando i bilanci, seppure “abbelliti”, mostravano, agli occhi di un operatore qualificato, palesi segnali di dissesto in atto”.

Non lascia scampo la superperizia sui conti di Coopcostruttori voluta dal Tribunale di Ferrara. Un documento importante per il giudizio finale sugli imputati del processo per il crac dell’ex cooperativa di Argenta e che sarà discusso in aula venerdì 30 marzo.

Il documento infatti è stato redatto dai periti incaricati dal presidente di corte del processo Costruttori, Francesco Maria Caruso.

A Claudio Gandolfo e Stefano Montanari di Modena il giudice infatti ha conferito il compito di fare chiarezza sui conti di Costruttori viste le posizioni delle parti processuali. In 1500 pagine tuttavia, Gandolfo e Montanari danno ragione all’ipotesi accusatoria sostenuta dalla pubblica accusa, il pm Ombretta Volta.

Per la perizia del Tribunale dunque i soci erano ignari di come andavano le cose in Costruttori, azienda già in crisi – dicono i periti – dal 1994.

Gandolfo e Montanari avallano anche lo studio Finec del 1997, la società finanziaria di Unipol, e le conclusioni del suo top manager, Giovanni Consorte che decise di non effettuare il prestito ponte a Costruttori perché già compromessa dal punto di vista economico.

Nella superperizia inoltre c’è un passaggio anche sulla gestione dell’ex cooperativa di Argenta. Gestione che definiscono verticista e concentrata nelle mani di pochi, manager senza limitazioni che non hanno mai informato della situazione anche i soci lavoratori che hanno pagato in termini salariali e di risparmi.

Il ruolo delle banche infine. Per Gandolfo e Montanari avrebbero potuto e dovuto intervenire tempestivamente nell’erogazione del credito, evitando che il dissesto –affermano – assumesse le dimensioni raggiunte.

[flv]rtmp://telestense.vod.weebo.it/vodservice/20120313_01.flv[/flv]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *