Da un’idea di alcune mamme, nuovi strumenti didattici nelle scuole

copparoPresentato in conferenza stampa il progettoAdotta una LIM per ampliare il numero di lavagne elettroniche dell’Istituto Comprensivo di Copparo, Berra e Ro.

Nel suo intervento il sindaco Nicola Rossi ha sottolineato «un aspetto importante, il metodo che ci ha portato all’iniziativa conviviale di domenica 21 ottobre.

In un periodo dove il pensiero diffuso sembra essere quello di “pensare per se”, l’esempio che la comunità copparese mette in campo è nobile – ha concluso Nicola Rossi – è un segnale di sicurezza, solidarietà, senso civico.»

«Entro nel dettaglio – aggiunge Martina Berneschi, vicesindaco e assessora alla Pubblica Istruzione – il progetto nasce dalla constatazione di alcune mamme sul fatto che una ventina di classi risultavano prive di LIM, nello specifico alla Marchesi su 16 classi 6 non hanno LIM; alla Govoni su 15 classi 8 non hanno la LIM e tra Tamara e altre sedi distaccate su 10 classi 6 non hanno lavagna elettronica.»

Berneschi ha anche ricordato che operazione analoga, vale a dire il coinvolgimento delle associazioni di volontariato e dei cittadini di Copparo, era stata fatta per l’acquisto di defibrillatori e oggi ogni centro sportivo del territorio possiede questo fondamentale dispositivo salvavita.

«Adotta una LIM – ha proseguito Berneschi – è un’operazione di grande impatto per bambine, bambini e i loro insegnanti. Ha un grande valore il confronto tra scuola e comunità perché nella scuola passano i nostri figli, con la scuola cresce la comunità. ProLoco, gruppo Scout, Carabinieri, il mondo dell’associazionismo di Copparo si stanno mobilitando in aiuto di questo gruppo di mamme»

Ricordiamo che l’iniziativa del pranzo al Ristorante da Giuseppe di domenica 21 ottobre è inserita nel programma di Monumenti Aperti che vede circa 350 studenti delle nostre scuole raccontare il patrimonio artistico di Copparo.

Francesca Pollastri e Silvia Abis in rappresentanza delle mamme hanno illustrato l’iniziativa di raccolta fondi attraverso il pranzo di domenica. Il ristorante sarà aperto dalle ore 12 alle ore 14.30, per dar modo di poter pranzare senza vincoli di orario; sarà la cucina delle mamme, che avranno a disposizione le attrezzature del ristorante con la supervisione del personale del ristorante. «A oggi sono già 250 le persone iscritte al pranzo, – dicono in coro le “ ammeLIM” – un successo!»

«Questa straordinaria iniziativa – ha concluso la dirigente scolastica del Comprensivo, Isabella Fedozzi – arricchisce il numero di LIM delle nostre scuole, ma va ben oltre, ci indica una strada, un percorso, che è quello della solidarietà e della collaborazione. Nel nostro Paese la scuola è un qualcosa che deve arrangiarsi da sola, nelle nazioni più evolute la scuola è al centro della comunità ed è normale raccogliere fondi per migliorare strutture e servizi. Copparo sta seguendo questa linea di pensiero, tutto ciò è lodevole. Abbiamo da poco inaugurato il nuovo anno scolastico, in un istituto rinnovato, questo ha riqualificato anche il quartiere».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *