Copparo per l’Ucraina, paese offre il supporto. Mercoledì una fiaccolata

Il Comune di Copparo si è letteralmente stretto intorno alla rappresentanza ucraina in paese. A mezzogiorno di lunedì 28 febbraio davanti al municipio è stato osservato un minuto di raccoglimento in segno di vicinanza al popolo ucraino e di ripudio della guerra.

copparo per ucraina (2)Dietro le bandiere blu e gialla le donne ucraine copparesi. «È dura». Rispondono così a chiunque chieda, ma in nessun modo sono disposte alla resa. Tutte si affidano al cellulare: solo una telefonata o un messaggio può far loro conoscere la sorte dei propri familiari.

Nadia ha potuto accogliere la figlia minore, arrivata con le sue due bambine a Ferrara la mattina precedente, dopo 60 ore di corriera da Vinnycja: il genero è rimasto a combattere. Maria gode i pochi minuti di sollievo dopo il messaggio del figlio di 38 anni, militare nell’esercito regolare: la nuora è incinta di cinque mesi e non ha voluto lasciare il marito. Natalia ha una figlia di 22 anni, rimasta in patria con il fidanzato: combattono per la loro terra. Raccontano a chi chiede e chiedono l’aiuto e il sostegno possibili, alle nazioni e alle persone.
Iana Zhovnovska ha organizzato una raccolta al Centro Sociale Tamarese: aperto lunedì dalle 8 alle 12 e dalle 13 alle 16, martedì dalle 13 alle 16, mercoledì dalle 7 alle 12 e dalle 13 alle 16, venerdì, sabato e domenica dalle 8 alle 12 e dalle 13 alle 16. Sono ben accetti prodotti a lunga conservazione, medicinali di primo soccorso, abbigliamento termico, indumenti invernali, coperte, torce tattiche.

All’iniziativa copparese ha partecipato don Daniele Panzeri: gli orionini sono presenti a Kiev e a Leopoli, hanno evacuato in Romania i disabili che accoglievano, ma sono rimasti e saranno il punto di riferimento per la parrocchia copparese. Mentre è la Caritas quello della chiesa ucraina di tradizione bizantina di Ferrara: non è voluto mancare davanti alla sede comunale anche padre Vasyl Verbitskyy, che una volta al mese nella chiesa dei Santi Pietro e Paolo celebra la funzione per i connazionali.

Dopo il minuto di silenzio, il sindaco Fabrizio Pagnoni li ha riuniti per strutturare gli aiuti e l’eventuale accoglienza, secondo le disposizioni prefettizie: azioni e gesti simbolici.

Mercoledì, la giornata delle Ceneri, sarà dedicata alla preghiera e al digiuno per l’Ucraina: don Daniele celebrerà la messa alle 18, padre Vasyl la veglia alle 19.30. A seguire, intorno alle 20.20, tutti, credenti e non, sono invitati a ritrovarsi nel piazzale della chiesa, da dove alle 20.30 partirà la Fiaccolata per la pace, organizzata in collaborazione con il Comune.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.