Coronavirus, ulteriori restrizioni: attività motoria consentita solo in prossimità di casa

Nuova stretta dell’Emilia-Romagna sui luoghi di potenziale aggregazione. Con un’ordinanza emessa ieri sera, la Regione dispone la chiusura di parchi e giardini pubblici, misura già presa da più sindaci, compreso il ferrarese Alan Fabbri. Inoltre, l’uso della bicicletta e lo spostamento a piedi sono consentiti esclusivamente per lavoro, ragioni di salute o necessità come gli acquisti alimentari. E per le attività motorie come passeggiate o uscite con animali di compagnia, “si è obbligati a restare in prossimità della propria abitazione”.

I provvedimenti, si legge nell’ordinanza, sono motivati dal fatto che “risulta necessario assumere ancora più stringenti iniziative atte a dissuadere i cittadini a tenere comportamenti potenzialmente contrari al contenimento del contagio” e, dunque, si ritiene “opportuno ordinare nuove restrizioni in particolare per quanto riguarda luoghi di aggregazione come i parchi e giardini pubblici e lo spostamento delle persone fisiche”.

Nell’ordinanza, inoltre, si definisce che l’apertura di esercizi di somministrazione nelle aree servizio siano consentiti solo in autostrada, sulle strade extraurbane principali e dalle 6 alle 18 in quelle secondarie. Mai, comunque, nei tratti che attraversano centri abitati. Le norme sono valide dal 19 marzo fino al 3 aprile 2020.

L’ordinanza è on-line cliccando QUI.

One thought on “Coronavirus, ulteriori restrizioni: attività motoria consentita solo in prossimità di casa

  • 19/03/2020 in 8:44
    Permalink

    praticamente io capisco che, invece di favorire la dispersione, vengono favoriti gli assembramenti visto che bisogna stare in prossimità della propria abitazione; immaginate un condominio in viale Cavour….

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *