Cosa accadrebbe a Ferrara in caso di alluvione

Alceste Zecchi
Alceste Zecchi

“Anche il nostro territorio verrebbe messo a dura prova da una quantità di pioggia come quella che è caduta su Genova: i notiziari hanno parlato di mille millimetri di pioggia in cinque giorni; è una quantità assolutamente fuori dal comune, e difficilissima da gestire”.

Alceste Zecchi è la responsabile della protezione civile della provincia di Ferrara. La situazione di Genova, spiega, non può essere paragonata a quella della nostra provincia: troppo diversa la configurazione del territorio, la rete dei canali, il rapporto con un fiume come il Po. Aggiunge: “Sul territorio ferrarese, inoltre, non abbiamo torrenti tombinati come quelli che ci sono a Genova”.

Tuttavia, anche il nostro sistema di acque interne potrebbe andare in grave crisi se sottoposto a piogge come quelle che hanno colpito Genova in questi giorni. “Ne abbiamo avuto la prova nel 2008, quando i Lidi si allagarono con 200 millimetri di pioggia in 24 ore”. C’è però una differenza fondamentale: il sistema dei canali di bonifica ferraresi – spiega Alceste Zecchi – è in grado di portare gli eccessi d’acqua fuori dai centri abitati e quindi evitare che un’eventuale inondazione colpisca le città. “I consorzi di bonifica, in occasione delle allerta meteo, effettuano delle manovre preventive per facilitare lo scolo delle acque in caso di piogge importanti”.

Bisogna aggiungere che eventuali eccessi di pioggia sul nostro territorio non avrebbero effetti preoccupanti sul fiume Po: l’asta del Po si ingrossa, in genere, quando piove molto in Piemonte e Lombardia, e questo i ferraresi lo sanno molto bene; in questi casi, i rischi maggiori vengono dagli argini del Po. “Ma non mi risulta – conclude Alceste Zecchi – che vi siano situazioni critiche o di pericolo l’ungo l’argine del Po”.

 

Un pensiero su “Cosa accadrebbe a Ferrara in caso di alluvione

  • 16/10/2014 in 1:00
    Permalink

    Quantità fuori dal comune????? Stiamo un’alluvione a settimana!!! Non ho parole!!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.