Covid, allarme Oms: “Casi raddoppiati nelle ultime sei settimane”. Italia sotto controllo

“L’Italia è sulla strada giusta, ma deve continuare a vigilare…». A riportare le dichiarazioni di Alessandro Vespignani, 55 anni, fisico informatico, Direttore del Laboratory for the modeling of biological and Socio-technical Systems, della Northeastern University di Boston, uno dei massimi esperti di «epidemiologia computazionale», la scienza che studia la dinamica del contagio, è oggi il Corriere della sera.

 « …in Italia. I nuovi casi sono sotto controllo. Dice Vespignani che giudica  Il nostro sistema sanitario in grado di gestire il tracciamento tradizionale dei positivi, isolando gli eventuali focolai. Intanto Il bilancio dei casi di Coronavirus a livello globale ha superato questa mattina la soglia dei 16 milioni: secondo i  conteggi della Johns Hopkins University, con  644.528 morti e 9.262.520 di persone guarite.

In Europa è la Spagna il Paese che desta maggiori preoccupazioni, è infatti il secondo paese europeo dopo il Regno Unito con più casi accertati di contagio.  Per questo  in Catalogna, dove il contagio è arrivato  a 111 casi ogni 100.000 abitanti,  sono stati chiusi i locali notturni, mentre altri paesi europei, compreso il Regno Unito, hanno imposto la quarantena per i viaggiatori provenienti dalla Spagna. Nel mondo è, invece, ad Hong Kong, dove si parla di terza ondata da Covid 19,  che  è ripartito il lockdown e per la prima volta hanno chiuso anche i ristoranti.

Per  Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, la pandemia, che nelle ultime 6 settimane, ha visto quasi raddoppiare  il numero totale di casi rappresenta «La più grave emergenza sanitaria globale»

«A 6 mesi dalla dichiarazione dell’emergenza sanitaria globale, la pandemia di Covid-19 sta dimostrando che la salute non è una ricompensa per lo sviluppo, ma è il fondamento della stabilità sociale, economica e politica. Quindi  annuncia la convocazione in settimana del Comitato di emergenza per rivalutare la pandemia da Covid-19 e loda «I paesi e le comunità che hanno seguito con attenzione e coerenza i consigli destinati al contenimento e alla prevenzione,  come  Cambogia, Nuova Zelanda, Ruanda, Thailandia, Vietnam e isole del Pacifico e dei Caraibi, o che hanno portato sotto controllo i grandi focolai, come Canada, Cina, Germania e Corea del Sud. Ma questi sono solo alcuni esempi. Ce ne sono molti altri».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *