E-R rimane arancione, cambia l’ordinanza. Covid nel ferrarese, calano posti occupati in terapia intensiva

Nessuna variazione per la Regone Emilia-Romagna rispetto alla zona arancione fino all’aggiornamento della Cabina di regia nazionale della prossima settimana.

La Regione intanto inizia a riallineare le proprie restrizioni a quelle previste dal Dpcm: nei festivi e prefestivi restano chiusi i centri commerciali e le grandi strutture di vendita, aperte invece quelle medie come i negozi la domenica. Tutto questo in vigore da domani, 28 novembre, al 3 dicembre, quando scadrà il Dpcm.

Secondo la Regione Emilia-Romagna, intanto, calano i posti occupati in terapia intensiva nel ferrarese. Diminuiscono anche i ricoveri a livello regionale. All’ospedale di Cona, sei nuovi ricoveri e stesso numero di dimessi o guariti in ospedale a Cona, e in tutti gli ospedali covid estensi l’occupazione dei posti letto è sostanzialmente stabile.

138 nuovi casi riscontrati nel ferrarese su 450 tamponi effettuati. 66 intanto le persone guarite dal covid nel territorio estense nelle ultime ore. 122 su 138 nuovi positivi è senza sintomi, e si conferma quindi questo trend ferrarese.

In regione, cala il tasso di incidenza dei nuovi positivi sui tamponi effettuati, dal 12,5% di ieri si passa al 10,2% di oggi.

Purtroppo però continuano i decessi causati da probabili complicazioni apportate da covid. Quattro ferraresi, due donne e due uomini, tra gli 82 e i 93 anni, sono deceduti e avevano tutt patologie pregresse concomitanti. Tre provenivano dalla Residenza Caterina di Ferrara, una dalla CRA Residence Service di Ferrara.

 

-AGGIORNAMENTO GIOVEDì 26 NOVEMBRE- Covid-19, a Ferrara 99 nuovi casi positivi e 6 nuovi ricoveri. In Emilia-Romagna 2.157 nuovi casi e 55 morti

99 nuovi casi positivi, 6 nuovi ricoveri in ospedale, di cui uno sospetto ed uno in terapia intensiva e nessun nuovo decesso Sono stabili i numeri relativi al bollettino della sanità ferrarese registrati in città e sul territorio provinciale, in merito all’epidemia da Sars-Cov-2

Dei nuovi 99 casi, emersi su un totale di 591 tamponi effettuati, 15 sono provenienti da focolai già noti i rimanenti 84 da casi sporadici

79 dei 99 nuovi contagiati sono senza sintomi: 17 sono stati individuati con il sistema del contact-tracing, 1da screening sierologico, 7 con screening su specifiche categorie d’interesse, 1con un test pre ricovero

il territorio di Ferrara e provincia conta ad oggi 3.172 persone positive al covid-19, di cui 2,519 a casa in isolamento domiciliare, 213 ricoverate negli ospedali del territorio di cui 25 in terapia intensiva: tra questi anche due ricoveri in terapia neo natale

E’ 78 il numero del personale sanitario positivo al covid-19: 39 al S.Anna, 39 in Azienda Usl. Nel bollettino della sanità ferrarese si contano 250 persone entrate in isolamento domiciliare nelle ultime 24 ore, mentre 524 ne sono uscite.

Dalla prossima settimana anche a Ferrara, come già a Reggio Emilia, le persone riceveranno l’esito del tampone tramite sms

Complessivamente sono 425 le persone che, a partire dal 14 marzo 2020 e fino a queste ore state dimesse dall’Ospedale di Cona. Di queste,1 nella giornata di mercoledì 25 novembre: si tratta di una ragazza di 27 anni di Bondeno

COMUNICATO STAMPA REGIONE EMILIA-ROMAGNA del 26 novembre 2020

Dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 114.855 casi di positività, 2.157 in più rispetto a ieri, su un totale di 17.264 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi è del 12,5%.

Prosegue l’attività di controllo e prevenzione: dei nuovi contagiati, 961 sono asintomatici individuati nell’ambito delle attività di contact tracing e screening regionali. Complessivamente, tra i nuovi positivi 410 erano già in isolamento al momento dell’esecuzione del tampone e 534 sono stati individuati all’interno di focolai già noti.

L’età media dei nuovi positivi di oggi è 45,1 anni.

Sui 961 asintomatici, 469 sono stati individuati grazie all’attività di contact tracing, 78 attraverso i test per le categorie a rischio introdotti dalla Regione, 5 con gli screening sierologici, 22 tramite i test pre-ricovero. Per 387 casi è ancora in corso l’indagine epidemiologica.

La situazione dei contagi nelle province dell’Emilia-Romagna vede Bologna con 515 nuovi casi; seguono Reggio Emilia (333), Modena (245), Ravenna (182), Rimini (174), Piacenza (143); poi Cesena (127), Imola (116), Forlì (113), Parma (110). Infine, la provincia di Ferrara, con 99 casi.

Questi, dunque, i dati – accertati alle ore 12 di oggi sulla base delle richieste istituzionali – relativi all’andamento dell’epidemia in regione.

Nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 17.264 tamponi, per un totale di 2.057.518. A questi si aggiungono anche 1.792 test sierologici.

Sceso in modo significativo il numero dei casi attivi, cioè dei malati effettivi: a oggi sono 71.472 (-1.052 rispetto a ieri). Di questi, le persone in isolamento a casa, ovvero quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 68.535 (-977), il 95,8% del totale dei casi attivi.

Purtroppo, si registrano 55 nuovi decessi: 2 in provincia di Piacenza (2 uomini, rispettivamente di 83 e 84 anni), 5 nel parmense (2 donne, di 86 e 88 anni, e 3 uomini, rispettivamente di 73, 75 e 85 anni), 5 in quella di Reggio Emilia (3 donne – di 84, 85 e 89 anni – 2 uomini, di 83 e 91 anni); 7 in quella di Modena (3 donne – di 85, 86 e 89 anni – e 4 uomini, rispettivamente di 35, 80, 83 e 88 anni); 18 in quella di Bologna (7 uomini  – di 61, 70, 81, 84, 87, 91 e 93 – e 11 donne, di 44, 73, 74, 75, 81, 86, 87, 88, 91, 95 e 100);4 nel ravennate (tutte donne, 1 di 74 anni, 2 di 87 e 1 di 97 anni); 14 in provincia di Rimini (di cui 4 uomini – di 54, 77, 80 e 81 anni – e 10 donne, rispettivamente di 59, 82, 86, 87, 2 di 88 anni, una di 89, una di 90, una di 95 e una di 100 anni). Nessun decesso in provincia di Ferrara e di Forlì-Cesena. Dall’inizio dell’epidemia di Coronavirus, in Emilia-Romagna i decessi sono complessivamente 5.548.

I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 258 (+9 rispetto a ieri), in calo quelli in altri reparti Covid: 2.679 (-84).

Sul territorio, i pazienti ricoverati in terapia intensiva sono così distribuiti: 16 a Piacenza (+4), 14 a Parma (+2), 33 a Reggio Emilia (+1), 65 a Modena (+2), 56 a Bologna (-1 rispetto a ieri), 6 a Imola (invariato), 22a Ferrara (+2),15 a Ravenna (+1), 4 a Forlì (invariato), 1 a Cesena (invariato) e 26 a Rimini (-2).

Per quanto riguarda le persone complessivamente guarite (+3.154 rispetto a ieri), raggiungono quota 37.835. Il consistente incremento del numero dei guariti è dovuto alla messa a regime della procedura delle chiusure degli isolamenti e delle quarantene arretrate, che dovrebbe vedere analoghi incrementi anche nei prossimi giorni. Coloro i quali avevano già le condizioni per uscire dalla quarantena avevano ricevuto l’attestato di chiusura malattia (senza quindi alcun vincolo di permanenza al proprio domicilio), anche se non per tutti la scheda clinica era stata aggiornata sul sistema informatico.

Questi i casi di positività sul territorio dall’inizio dell’epidemia, che si riferiscono non alla provincia di residenza, ma a quella in cui è stata fatta la diagnosi: 11.975 a Piacenza (+143 rispetto a ieri, di cui 26 sintomatici), 9.781 a Parma (+110, di cui 48 sintomatici), 16.629 a Reggio Emilia (+333, di cui 229 sintomatici), 20.672 a Modena (+245, di cui 205 sintomatici), 22.506 a Bologna (+515, di cui 269 sintomatici), 3.086 casi a Imola (+116, di cui 39 sintomatici), 5.626 a Ferrara (+99, di cui 21 sintomatici), 7.287 a Ravenna (+182, di cui 77 sintomatici), 4.312 a Forlì (+113, di cui 80 sintomatici), 3.668 a Cesena (+127, di cui 96 sintomatici) e 9.313 a Rimini (+174, di cui 106 sintomatici).

In seguito a verifica sui dati comunicati nei giorni passati sono stati eliminati 2 casi (1 a Modena, 1 a Imola) in quanto giudicati non Covid-19

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *