Covid, tornano a crescere i decessi in E-R e nel ferrarese

-AGGIORNAMENTO LUNEDì 30 NOVEMBRE- Covid, tornano a crescere i decessi in E-R e nel ferrarese

Tornano a crescere i decessi in Emilia-Romagna.

39 i decessi in regione, la vittima più giovane aveva 42 anni, cinque dei 39 decessi sono avvenuti nel ferrarese, persone tra i 93 e i 70 anni con patologie pregresse concomitanti.

Tornano a crescere, intanto, i posti occupati in terapia intensiva in Emilia-Romgna, dei quattro nuovi ricoveri in regione uno è a Cona. Quattro, in totale, i nuovi ricoveri al Sant’Anna nelle ultime ore, due i guariti e dimessi. L’occupazione negli ospedali covid estensi rimane pressoché stabile.

Ma tornano a crescere le persone che presentano sintomi da covid nel ferrarese. 17 sintomatici, domenica erano tre. In totale, nel ferrarese, sono 95 i nuovi positivi, un tasso di incidenza dei nuovi positivi sui tamponi effettuati che rimane quindi stabile nel ferrarese. 95 i nuovi positivi, 48 i guariti, cioè metà dei nuovi casi odierni. Tornano a crescere invece i nuovi positivi in regione che superano quota 2 mila in 24 ore e in parallelo la percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti passa dal 13,8% del 18,5% in Emilia-Romagna.

 

-AGGIORNAMENTO DOMENICA 29 NOVEMBRE- Covid nel ferrarese: calano i decessi e 88 nuovi positivi (solo tre con sintomi)

E’ calato in maniera considerevole il numero dei decessi legati al covid tra un giorno e l’altro.

Se ieri se ne registrarono 71 in Emilia-Romagna e sette nel ferrarese, oggi sono rispettivamente 30 in regione e uno in territorio estense, un poggese di 87 anni.

Calano anche i ricoveri all’ospedale di Cona, quattro, stesso numero dei dimessi. Stabili i ricoveri in terapia intensiva sia in regione che nel ferrarese, mentre in Emilia-Romagna calano i ricoveri negli altri reparti covid.

Nuovi positivi nel ferrarese, solo tre persone hanno mostrato sintomi. I restanti 85 nuovi positivi sono senza sintomi, circa lo stesso numero di ieri ma vennero fatti molti più tamponi, infatti il tasso di incidenza nuovi positivi sui tamponi eseguiti nel territorio estense è salito dal 13 al 20%. 88 quindi i nuovi positivi, 37 i guariti nel frattempo nel ferrarese. In calo rispetto a ieri i nuovi positivi in Emilia-Romagna, oggi sono 1850.

 

-AGGIORNAMENTO SABATO 28 NOVEMBRE- Covid-19: a Ferrara sette decessi (tra cui anche un 53enne di Argenta) 92 nuovi positivi e 8 ricoveri

Sono sette le vittime da complicanza da sars-cov-2 registrate nel ferrarese. Si tratta di 4 uomini e di 3 donne, pazienti che si trovavano negli ospedali Covid del S.anna di Ferrara a Cona e al Delta di Lagosanto. Tra le vittime segnalate anche un 53enne di Argenta, deceduto a Forlì

Tra i decessi si contano anche due ospiti (una 92enne ed un 68enne) della Cra Residence Service, entrambi di Ferrara, un 73enne di Ostellato, un 74enne di Ferrara, una 72enne di Bondeno ed una 87enne di Mesola

I bollettini della sanità ferrarese comunicano anche 92 nuovi positivi al virus, (individuati con 702 tamponi refertati, di cui 23 sintomatici. E su registrano anche 8 nuovi ricoveri nei reparti Covid positivi degli ospedali ferraresi. Ad oggi sono 18, in totale, le persone ricoverate in terapia intensiva, 1 in meno rispetto a ieri

258 le persone entrate in isolamento domiciliare, 515 quelle uscite. 87 le persone guarti comunicate dal dipartimento di sanità pubblica, 5 quelle dimesse dall’ospedale S.Anna nella giorntata di ieri

COMUNICATO STAMPA  REGIONE EMILIA-ROMAGNA – 28 novembre 2020

In Emilia-Romagna su oltre 17.200 tamponi effettuati sono 2.172 nuovi positivi (il rapporto è del 12,6%), di cui 1.009 sono asintomatici da screening regionali e attività di contact tracing. In calo i casi attivi (-499), guariti ancora in aumento (+2.600). Il 95,8% dei casi attivi in isolamento a casa, senza sintomi o con sintomi lievi. Effettuati anche 1.871 test sierologici. L’età media nei nuovi positivi è di 46,9 anni. 71 decessi, alcuni avvenuti nei giorni scorsi

Dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 119.184 casi di positività, 2.172 in più rispetto a ieri, su un totale di 17.241 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti da ieri è del 12,6%.

Prosegue l’attività di controllo e prevenzione: dei nuovi contagiati, 1.009 sono asintomatici individuati nell’ambito delle attività di contact tracing e screening regionali. Complessivamente, tra i nuovi positivi 387 erano già in isolamento al momento dell’esecuzione del tampone e 544 sono stati individuati all’interno di focolai già noti.

L’età media dei nuovi positivi di oggi è 46,9 anni.

Sui 1.009 asintomatici, 480 sono stati individuati grazie all’attività di contact tracing, 106 attraverso i test per le categorie a rischio introdotti dalla Regione, 16 con gli screening sierologici, 15 tramite i test pre-ricovero. Per 392 casi è ancora in corso l’indagine epidemiologica.
La situazione dei contagi nelle province vede Bologna con 413 casi, poi quella di Modena con 364, seguono Reggio Emilia (305), Ravenna (184), Parma (181), Piacenza (166), Rimini (162). Poi Imola (143), Cesena (103), la provincia di Ferrara con 92 casi e Forlì (59).

Questi, dunque, i dati – accertati alle ore 12 di oggi sulla base delle richieste istituzionali – relativi all’andamento dell’epidemia in regione.

Nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 17.241 tamponi, per un totale di 2.096.063. A questi si aggiungono anche 1.871 test sierologici.
Sceso il numero dei casi attivi, cioè dei malati effettivi: a oggi sono 68.783 (-499 rispetto a ieri). Di questi, le persone in isolamento a casa, ovvero quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 66.865 (-494), il 95,8% del totale dei casi attivi.

Purtroppo, si registrano 71 nuovi decessi, alcuni relativi ai giorni scorsi: 5 in provincia di Piacenza (4 uomini, rispettivamente di 80, 70, 84, 69 anni e una donna di 96 anni; 2 donne nel parmense di 91 e 88 anni, 3 in quella di Reggio Emilia (1 donna di 71 anni e una donna di 80 anni, un uomo di 78); 11 in quella di Modena (4 donne – di 82, 94, 80, 90 e 95 – e 7 uomini, rispettivamente di 89, 67, 86, 88, 84,49 e 86 anni); 11 in quella di Bologna (4 uomini  – di 78, 83 e due rispettivamente di 86 – e 7 donne, di 94, 85,86,93,72, 96 e 95); 7 nel ferrarese (4 uomini di 73, 74, 68, 53 anni e 3 donne di 87, 72 e 91), 5 nel ravennate (3 uomini di 82, 87 e 91 anni – e 2 donne di 87 e 78 anni; 4 in provincia di Rimini (di cui 2 uomini di 64 e 66 anni – e 2 donne di 101 e 90 anni) e 23 a Forlì (12 donne di 82, 85, 89, 74, 78,91,92,81,85,86,80 e 88 – 11 uomini di 80,78,65,91, 90, 67,53, 92, 85,86, 83 e 87 anni). Il dato di Forlì risente di un disallineamento informatico dovuto a ritardi nel caricamento dei dati nei giorni scorsi.

I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 245 (-5 rispetto a ieri), invariato rispetto a ieri il numero dei ricoverati negli altri reparti Covid: 2.673.
Sul territorio, i pazienti ricoverati in terapia intensiva sono così distribuiti: 12 a Piacenza (-3), 15 a Parma (+ 1), 34 a Reggio Emilia (invariato), 59 a Modena (-4), 57 a Bologna (+2 rispetto a ieri), 5 a Imola (invariato), 18 a Ferrara (-1), 16 a Ravenna (+ 1), 4 a Forlì (invariato), 2 a Cesena (+1) e 23 a Rimini (-2).
Per quanto riguarda le persone complessivamente guarite, sono 2.600 in più rispetto a ieri e raggiungono quota 43.717.
Questi i casi di positività sul territorio dall’inizio dell’epidemia, che si riferiscono non alla provincia di residenza, ma a quella in cui è stata fatta la diagnosi: 12.283 a Piacenza (+166 rispetto a ieri, di cui 64 sintomatici), 10.093 a Parma (+181, di cui 98 sintomatici), 17.153 a Reggio Emilia (+305 di cui 172 sintomatici), 21.574 a Modena (+364, di cui 223 sintomatici), 23.352 a Bologna (+413, di cui 235 sintomatici), 3.351 casi a Imola (+143, di cui 55 sintomatici), 5.853 a Ferrara (+92, di cui 23 sintomatici), 7.678 a Ravenna (+184, di cui 94 sintomatici), 4.444 a Forlì (+59, di cui 47 sintomatici), 3.827 a Cesena (+103, di cui 75 sintomatici) e 9.576 a Rimini (+162, di cui 77 sintomatici).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *