Covid, ancora un decesso a Cona. Continuano i ricoveri in ospedale

-AGGIORNAMENTO LUNEDì 2 NOVEMBRE-

Ancora un decesso all’ospedale di Cona per probabili complicazioni apportate da covid.

Un ostellatese di 92 anni con patologie pregresse concomitanti della residenza sanitaria assistenziale rsa di Portomaggiore è deceduto al Sant’Anna dopo dieci giorni di ricovero. 200 i decessi totali nel ferrarese dall’inizio di epidemia covid per motivi legati all’infezione, 13 di questi provenivano da fuori provincia. Il decesso del ferrarese si aggiunge ai 16 registrati in un giorno in Emilia-Romagna: la più giovane era una 69enne di Reggio Emilia.

Focus sugli ospedali. A Cona sono otto i nuovi ricoverati, quattro ferraresi, un centese, un comacchiese, un vigaranese più una da fuori provincia. Un ferrarese di 54 anni invece è stato dimesso. Rimangono stabili i numeri in terapia intensiva al Sant’Anna, 11 posti letto occupati su 15. A Cona, in totale nei reparti covid, sono 91 i posti letto occupati su 111 disponibili.

I reparti e i posti letto, invece, attualmente dedicati al coronavirus negli ospedali covid della provincia, Lagosanto e Cento, sono al completo.

Capitolo nuovi casi. 89 i tamponi positivi su 273 test effettuati nelle ultime ore nel ferrarese. Cresce il tasso di incidenza delle nuove positività sul numero dei tamponi effettuati, raddoppiato tra un giorno e l’altro. Domenica era al 15,5%, lunedì più del doppio, 32,6%. Dei nuovi casi, 55 sono asintomatici, e dal totale, 31 da focolai e 58 da casi sporadici

L’aggiornamento in Emilia-Romagna vede crescere la percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti: lunedì al 16%, domenica era al 14,6 % mentre sabato era poco più della metà della percentuale attuale, 10,8%. Quindi è in crescita a livello emiliano-romagnolo, negli ultimi giorni, la percentuale dei positivi rispetto ai tamponi effettuati. Lunedì sono più di 1.650 i nuovi casi su quasi 10.300 tamponi effettuati.

L’età media dei nuovi positivi a livello emiliano romagnolo e ferrarese è 42,2 anni.

-AGGIORNAMENTO DOMENICA 1 NOVEMBRE- Covid nel ferrarese, ancora saldo negativo dimessi/ricoveri a Cona. Calano i nuovi casi

Aggiornamento coronavirus, focus ovviamente sui luoghi più sensibili e che ci danno la misura di come la pandemia stia toccando il territorio ferrarese: stiamo parlando degli ospedali, Cona in primis, che in questa fase non devono andare sotto pressione.

Come sta accadendo da giorni, continua purtroppo ad avere il segno più la differenza tra ricoveri di pazienti e tra dimessi dall’ospedale di Cona. Tre ferraresi sono stati dimessi dal Sant’Anna ma nel frattempo sono state ricoverate 11 persone nelle ultime ore, sette ferraresi, due comacchiesi, un masi torellese più una persona fuori provincia, tutti nei reparti covid e nessuno fortunatamente in terapia intensiva dove i ricoverati rimangono otto, circa la metà dei posti letto attualmente disponibili. In regione Emilia-Romagna, sono sette i ricoveri totali in terapia intensiva. Non si registra nel ferrarese nessun nuovo decesso per complicazioni apportate da covid, mentre a livello regionale sono 16 i decessi.

Tasso di incidenza dei nuovi casi sui tamponi effettuati in un giorno nel ferrarese: sabato poco più del 20%, domenica 15,5%. Nuove positività nel ferrarese, si registra una diminuzione dei casi. Effettuati circa lo stesso numero di tamponi di sabato, quando però si registrò un raddoppio dei nuovi casi rispetto a venerdì. Nuove positività quindi diminuite dai 122 nuovi casi di sabato alle 86 di domenica. Di questi, la maggior parte delle persone sono rimaste contagiate da contatti sporadici e solo cinque su 86 da focolaio. La maggior parte dei nuovi casi sono senza sintomi e sono stati registrati in città, 29, Ferrara seguita da Cento con 14 nuovi casi, a Comacchio nove persone sono risultate positive nell’ultimo giro di tamponi, otto a Fiscaglia e sette a Portomaggiore. Poi sei a Bondeno, quattro a Poggio Renatico, due ad Argenta e altrettanti a Tresignana, uno a Riva del Po, uno a Terre del Reno, uno a Vigarano e uno a Voghiera.

In Emilia-Romagna, domenica, circa 1760 nuovi positivi, meno rispetto a sabato ma anche meno tamponi, ed è infatti tornata a salire la percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti, sabato in regione era 10,8%, domenica è al 14,6%.

-AGGIORNAMENTO SABATO 31 OTTOBRE- Covid-19, a Ferrara raddoppiano i contagi (122). Nove nuovi ricoveri in ospedale e due decessi

Il raddoppio di casi positivi da covid-19 che dai 55 di ieri passano a 122; nove ricoveri in ospedale, di cui uno in terapia intensiva e due decessi: una donna di 73 anni ed un uomo di 88 anni, entrambi ospiti della struttura Santa Chiara di Ferrara. Questo il bollettino sanitario delle due aziende relativo alla giornata di oggi, sabato 31 ottobre.

I nuovi 122 casi di positività sono emersi con 606 tamponi effettuati: 16 nuovi casi positivi sono riconducibili a focolai già conosciuti mentre gli altri 106 sono stati causati da un contatto sporadico. Due terzi dei nuovi contagiati sono senza sintomi mentre 37 sono sintomatici
Ieri si sono registrati nove ricoveri: otto nel reparto Covid positivo ( 4 ferraresi, 1 Jolanda di Savoia, 1 Poggio Renatico, 1 Comacchio, 1 Fiscaglia) e  1 ricovero in Terapia Intensiva. Ad oggi sono 2.580 i casi positivi totali registrati nel territorio estense, di cui 74 fuori provincia.

Purtroppo si registrano ancora due decessi: una donna di 73 anni di Ferrara, ospite della struttura Santa Chiara. Deceduta all’ospedale di Cona il 23 ottobre. Aveva patologie croniche concomitanti. Ed un uomo di 88 anni di Ferrara, anche lui ospite della struttura Santa Chiara, deceduto all’ospedale di Cento.

Ieri sono stati dimessi dall’ospedale di Cona quattro persone. 119 sono entrate in isolamento domiciliare, 197 sono uscite

COMUNICATO STAMPA – REGIONE EMILIA-ROMAGNA sabato 31 ottobre

Su quasi 19mila tamponi 2.046 nuovi positivi, di cui 963 asintomatici da screening regionali e attività di contact tracing. +233 guariti. Eseguiti anche 2.674 test sierologici. Il 94% dei casi attivi con sintomi lievi in isolamento a casa; l’età media nei nuovi positivi è di 44,4 anni. 19 nuovi decessi.

Dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 55.841 casi di positività, 2.046 in più rispetto a ieri, su un totale di 18.943 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti è oggi del 10,8%. Dei nuovi contagiati, sono 963 gli asintomatici individuati nell’ambito delle attività di contact tracing e screening regionali.

Prosegue l’attività di controllo e prevenzione: complessivamente, tra i nuovi positivi 242 persone erano già in isolamento al momento dell’esecuzione del tampone e 411 sono state individuate nell’ambito di focolai già noti.

L’età media dei nuovi positivi di oggi è 44,4 anni.

Sui 963 asintomatici, 324 sono stati individuati grazie all’attività di contact tracing, 52 attraverso i test per le categorie a rischio introdotti dalla Regione, 2 per screening sierologico, 25 con i test pre-ricovero. Per 560 casi è ancora in corso l’indagine epidemiologica.

La situazione dei contagi nelle province vede Bologna con 481 nuovi casi, poi Reggio Emilia (367) Modena (322), Piacenza (191), Rimini (178), Parma e Ferrara con 122 nuovi casi di positività ciascuna, e Ravenna (96).  Seguono  Forlì (75), Cesena (51) e Imola (41).

Questi i dati – accertati alle ore 12 di oggi sulla base delle richieste istituzionali – relativi all’andamento dell’epidemia in regione.

I tamponi effettuati sono stati 18.943, per un totale di 1.589.691. A questi si aggiungono anche 2.674 test sierologici.

I casi attivi, cioè il numero di malati effettivi, a oggi sono 23.213 (1.794 in più di quelli registrati ieri). Di questi, le persone in isolamento a casa, ovvero quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 21.865 (+1.722 rispetto a ieri), il 94% dei casi attivi.

Purtroppo, si registrano 19 nuovi decessi: 7 in provincia di Bologna (2 donne di  91 e 94 anni e 4 uomini di  84, 90, 92 e 97 anni, più  1 donna di 83 anni a Imola),  6 in provincia di Modena (2 donne di 84 e 87 anni e 4 uomini  di 85, 89, 90 e 94 anni), 2 in provincia di Piacenza (2 uomini di  90 e 93 anni), 2 in provincia di Ferrara (1 donna di 73 anni e 1 uomo di 88), 1 a Cesena (1 uomo di 65) e 1 a Rimini (1 donna di 88 anni). Nessun decesso nelle province di Parma, Reggio Emilia e Ravenna.  Dall’inizio dell’epidemia i morti complessivi in Emilia-Romagna sono 4.631.

I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 125 (+6 rispetto a ieri),1.223 quelli in altri reparti Covid (+66).

Sul territorio, le 125 persone ricoverate in terapia intensiva sono così distribuite: 7 a Piacenza (-2 rispetto a ieri), 11 a Parma (+1), 7 a Reggio Emilia (dato invariato), 25 a Modena (+10), 42 a Bologna (-4), 3 a Imola (dato invariato), 8 a Ferrara (+1), 5 a Ravenna (dato invariato), 5 a Forlì (-1), 4 a Cesena (+1) e 8 a Rimini (stesso dato di ieri).

Le persone complessivamente guarite salgono a 27.997 (+233 rispetto a ieri).

Questi i nuovi casi di positività sul territorio, che si riferiscono non alla provincia di residenza, ma a quella in cui è stata fatta la diagnosi: 7.100 a Piacenza (+191, di cui 61 sintomatici), 5.771 a Parma (+122, di cui 83 sintomatici), 8.690 a Reggio Emilia (+367, di cui 278 sintomatici), 8.056 a Modena (+322 di cui 179 sintomatici), 10.775 a Bologna (+481, di cui 183 sintomatici), 1.050 casi a Imola (+41, di cui 27 sintomatici), 2.584 a Ferrara (+122, di cui 37 sintomatici); 3.002 a Ravenna (+96, di cui 62 sintomatici), 2.390 a Forlì (+75, di cui 56 sintomatici), 1.796 a Cesena (+51, di cui 35 sintomatici) e 4.627 a Rimini (+178, di cui 82 sintomatici)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *