Covid, 105 nuovi positivi nel ferrarese: ancora tantissimi asintomatici

Continua a essere stabile nel ferrarese la situazione dell’emergenza coronavirus.

Da sottolineare che nel ferrarese, rispetto alle altre realtà regionali, il numero di asintomatici scoperti ogni giorno rimane molto alto, pochissime le persone che quotidianamente presentano sintomi da covid.

Si registrano, purtroppo, 53 nuovi decessi in Emilia-Romagna, la persona più giovane aveva 50 anni, per probabili complicazioni apportate da coronavirus, tre di questi decessi registrati nel ferrarese. Un cittadino di 66 anni è deceduto al Sant’Anna dopo quasi un mese di ricovero come la donna di 92 anni che proveniva dalla struttura Caterina di Ferrara. Un ferrarese di 82 invece è deceduto al proprio domicilio. Tutte e tre le vittime avevano patologie pregresse concomitanti.

Rimane intanto alta l’attenzione negli ospedali ferraresi, 206 i posti letto occupati sui 394 disponibili nel caso la situazione dovesse aggravarsi criticamente, quindi occupazione posti letto covid nel ferrarese che supera di poco la metà della capienza massima. Nel frattempo, dieci i nuovi ricoveri a Cona, nessuno in terapia intensiva, mentre sono quattro i dimessi e i guariti al Sant’Anna. Diminuiscono intanto i posti letto occupati in terapia intensiva, uno in meno rispetto a martedì nel ferrarese, un trend che segue quello regionale.

Capitolo nuovi positivi, dai numeri si evince il trend che caratterizza il ferrarese rispetto alle altre realtà regionali. Sono tantissimi gli asintomatici scovati e continua questo trend che differenzia la situazione ferrarese dalla media emiliano romagnola in cui, in proporzione, sono molte di più le persone col covid le quali presentano i sintomi. Tra le spiegazioni plausibili, un’efficace e capillare operazione di tracciamento provinciale. Quindi, nelle ultime ore, sono 105 i nuovi positivi, solo cinque con sintomi, e torna a diminuire rispetto a martedì il tasso di incidenza dei nuovi positivi sul numero di tamponi effettuati: il giorno precedente era al 25%, mercoledì si è abbassato al 20%.

Tornando al ferrarese, in città da segnalare quattro dipendenti comunali positivi al coronavirus. Impiegati negli uffici anagrafici di via Fausto Beretta, in queste ultime due settimane l’amministrazione comunale ha programmato uno screening per tutti dipendenti che lavorano in questa sede, su base volontaria, per un totale di circa 25 dipendenti. La sanificazione dei locali è già stata fatta martedì pomeriggio.

L’ente ha inoltre in programma di procedere nei prossimi giorni a uno screening su base volontaria per i dipendenti che lavorano nei front-office dei diversi servizi comunali.

 

-AGGIORNAMENTO MARTEDì 17 NOVEMBRE- Covid nel ferrarese, situazione ospedali stabile. Cresce rapporto positivi/tamponi

Nove nuovi ricoveri al Sant’Anna, uno di loro, un centese, è andato in terapia intensiva da dove però è stata dimessa una persona.

Quindi il numero di persone ricoverate nel reparto ferrarese più critico in questa fase pandemica è rimasto invariato, 20 persone.

A fronte dei nove nuovi ricoveri nelle ultime ore a Cona, otto le persone guarite o dimesse dal Sant’Anna.

La pressione sugli ospedali estensi, quindi, rimane abbastanza stabile, come per le terapie intensive in Emilia-Romagna.

A Cona, nella situazione attuale, sono 97 i posti letto covid occupati su 114 disponibili. Quindi reparti covid al Sant’Anna pieni attualmente all’85%. Gli altri reparti covid dei due ospedali che li ospitano in provincia, il Delta e Cento, sono pieni al 76,5%, 107 posti letto su 140. Al momento, quindi, in totale sono 204 i posti letto covid occupati nel ferrarese. Attualmente sarebbero poco più della metà i posti letto occupati di quelli, nel caso, disponibili se la la dotazione per pazienti covid venisse aumentata alla quota massima prevista dal piano provinciale delle due aziende sanitarie estensi, 394 posti letto massimo. A Cona, le terapie intensive possono arrivare a 28 posti letto, ora sono 20, mentre a Cento e al Delta la dotazione fra terapie intensive e sub intensive puo’ arrivare a 36.

In Emilia-Romagna, intanto, la regione sostiene che sarebbero 640 i posti letto in più e a breve disponibili per i pazienti covid. Questo prevederebbe il piano di espansione possibile anche grazie all’accordo con l’ospedalità privata.

Ancora lontana la capienza massima, comunicano dalla regione.

Ma intanto, purtroppo, bisogna registrare nelle ultime ore un decesso per probabili complicazioni apportate da covid, un ferrarese di 87 anni con patologie pregresse proveniente dalla residenza Santa Chiara ed era ricoverato da due settimane all’ospedale del Delta. Vittima che si aggiunge alle altre 47 registrate in Emilia-Romagna, la più giovane aveva 41 anni.

Capitolo nuovi casi, torna a crescere, intanto, il tasso d’incidenza del numero dei positivi riscontati sui tamponi effettuati. 117 le persone risultate positive nelle ultime ore, solo sei con sintomi da covid, quindi la gran parte dei nuovi casi nel ferrarese sono asintomatici. Ma se lunedì il tasso di incidenza positivi/tamponi era al 21%, martedì è cresciuto toccando quota 25%. Percentuale che continua a essere più alta della media regionale, qui il trend si è persino invertito: in Emilia-Romagna la percentuale dei nuovi positivi sui tamponi eseguiti è scesa al 10%, il giorno precedente era al 17,6%.

 

-AGGIORNAMENTO LUNEDì 16 NOVEMBRE- Covid-19: a Ferrara più di cento nuovi contagi, sette nuovi ricoveri ed un decesso

Sono 101 (su un totale di 486 tamponi effettuati) i nuovi casi positivi al covid19 in provincia di Ferrara.

Di questi 94 sono asintomatici invece 7 con sintomi. Un caso proviene da focolaio gli altri cento da casi sporadici. Per quanto concerne i ricoveri in queste ore al nuovo ospedale S.Anna di Ferrara a Cona sono stati sette nuovi pazienti ricoverati, di cui uno in terapia intensiva, dove resta stabile, cioè 20, il numero dei posti letto occupati

Nel bollettino della sanità ferrarese si contano 98 persone entrate in isolamento domiciliare nelle ultime 24 ore, mentre 454 ne sono uscite.

Purtroppo si è registrato ancora un decesso in un reparto Covid del S.anna. La vittima è una donna di 86 anni, residente a Ferrara, ricoverata del 9 ottobre. Proveniva dalla residenza Caterina di Ferrara. Il suo decesso risale al 14 novembre. La donna, come comunicato dalla direzione medica dell’ospedale, soffriva di patologie pregresse concomitanti. Salgono a 228 le vittime registrate nel territorio ferrarese da inizio pandemia

Comunicato Regione Emilia-Romagna del 16 novembre 2020

In Emilia-Romagna sono 2.547 i nuovi positivi, di cui 1.195 asintomatici da screening regionali e attività di contact tracing. +295 sono i guariti. Il 95% dei casi attivi con sintomi lievi in isolamento a casa. Effettuati oltre 14.400 tamponi: la percentuale dei nuovi positivi sui tamponi fatti scende al 17,6% rispetto a ieri. Effettuati anche 3.140 i test sierologici. L’età media nei nuovi positivi è di 44,8 anni. 23 i nuovi decessi

Dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 91.066 casi di positività, 2.547 in più rispetto a ieri, su un totale di 14.442 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti è oggi del 17,6%. Prosegue l’attività di controllo e prevenzione: dei nuovi contagiati, 1.195 sono asintomatici individuati nell’ambito delle attività di contact tracing e screening regionali. Complessivamente, tra i nuovi positivi 276 persone erano già in isolamento al momento dell’esecuzione del tampone e 366 sono state individuate nell’ambito di focolai già noti. L’età media dei nuovi positivi di oggi è 44,8 anni.

Su 1.195 asintomatici, 360 sono stati individuati grazie all’attività di contact tracing, 112 attraverso i test per le categorie a rischio introdotti dalla Regione, 10 con gli screening sierologici, 26 tramite i test pre-ricovero. Per 687 casi è ancora in corso l’indagine epidemiologica.

La situazione dei contagi nelle province dell’Emilia-Romagna vede Modena con 605 nuovi casi e Bologna con 539, a seguire Reggio Emilia (302), Rimini (256), Piacenza (186), Ravenna (146), Parma (146), il territorio di Imola (114) e Ferrara (101). Poi Cesena (99) e Forlì (53).

Questi, dunque, i dati – accertati alle ore 12 di oggi sulla base delle richieste istituzionali – relativi all’andamento dell’epidemia in regione.

I tamponi effettuati sono stati 14.442, per un totale di 1.873.435. A questi si aggiungono anche 3.140 test sierologici.

I casi attivi, cioè il numero di malati effettivi, a oggi sono 55.429 (2.229 in più di ieri). Di questi, le persone in isolamento a casa, ovvero quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 52.789 (+2.120 rispetto a ieri), il 95,2% del totale dei casi attivi.

Purtroppo, si registrano 23 nuovi decessi: 13 in provincia di Modena (7 uomini di 72, 76, 79, 82, 88, 89 e 97 anni e 6 donne di 53, 65, 74, 84, 88 e 90 anni), 5 in quella di Piacenza (3 donne di 62, 89 e 92 anni e 2 uomini di 64 e 72 anni), 3 in quella di Parma (2 donne di 85 e 86 anni e un uomo di 87 anni), uno in quella di Reggio Emilia (un uomo di 87 anni) e uno in quella di Ferrara (una donna di 86 anni). Dall’inizio dell’epidemia di Coronavirus, in Emilia-Romagna i decessi sono complessivamente 5.067.

I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 247 (+1 rispetto a ieri), 2.393 quelli in altri reparti Covid (+108).

Sul territorio, i pazienti ricoverati in terapia intensiva sono così distribuiti: 12 a Piacenza (-1 rispetto a ieri), 17 a Parma (+1), 25 a Reggio Emilia (invariato), 62 a Modena (+3), 64 a Bologna (+1),  3 a Imola (-2), 20 a Ferrara (invariato), 14 a Ravenna (+1), 6 a Forlì (-1), 1 a Cesena (-1) e 23 a Rimini (invariato).

Le persone complessivamente guarite salgono a 30.570 (+295 rispetto a ieri).

Questi i casi di positività sul territorio dall’inizio dell’epidemia, che si riferiscono non alla provincia di residenza, ma a quella in cui è stata fatta la diagnosi: 9.823 a Piacenza (+186 rispetto a ieri, di cui 87 sintomatici), 8.121 a Parma (+146, di cui 85 sintomatici), 13.418 a Reggio Emilia (+302, di cui 232 sintomatici), 16.145 a Modena (+605, di cui 224 sintomatici), 18.100 a Bologna (+539, di cui 294 sintomatici), 2.149 casi a Imola (+114, di cui 110 sintomatici), 4.425 a Ferrara (+101, di cui 7 sintomatici), 5.437 a Ravenna (+146, di cui 81 sintomatici), 3.440 a Forlì (+53, di cui 44 sintomatici), 2.867 a Cesena (+99, di cui 64 sintomatici) e 7.141 a Rimini (+256, di cui 124 sintomatici).

In seguito a verifica sui dati comunicati nei giorni passati è stato eliminato 1 caso (a Bologna) in quanto giudicato caso non Covid-19

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *