Covid nel ferrarese, rischio tilt per sistema tracciamento – BOLLETTINO CORONAVIRUS

Tantissime chiamate alle linee telefoniche ‘problematiche covid’ dell’Azienda USL di Ferrara. Si registrano malfunzionamenti.

L’Azienda sarebbe già all’opera per raddoppiare le linee e gli operatori dedicati.

“E’ una conseguenza della situazione epidemiologica” sottolinea l’Usl. Forti i problemi nell’attività di tracciamento, dal punto di vista sia delle personale (previste nuove assunzioni) sia delle tecnologie. Il personale sanitario l’anno scorso, nello stesso periodo, non era impegnato come ora nella campagna vaccinale. La velocità esponenziale di diffusione del virus, poi, ha fatto il resto.

535 i nuovi positivi su 1.032 tamponi, 160 i nuovi guariti e cinque i decessi, una centese di 82 anni e quattro uomini tra i 79 e i 97 anni.

E’ quanto emerge dall’ultimo bollettino coronavirus.

Tra i nuovi contagi, anche il sindaco di Cento, Edoardo Accorsi, che ha annunciato di essere risultato positivo al covid.

Un boom di contagi, negli ultimi giorni, che non si traduce in egual modo sulla pressione ospedaliera, che è in leggero aumento ma non esponenziale come i contagi. 142 i posti occupati a Cona sui 142 disponibili, 112 i posti occupati sui 122 disponibili al Delta e a Cento. 19 i posti occupati nelle terapie intensive ferraresi.

L’aggiornamento in Emilia-Romagna registra 8.014 nuovi casi, 1.207 i nuovi guariti, 17 i nuovi decessi in regione. Stabili i ricoveri nelle terapie intensive, dove il 72,5% delle persone non sono vaccinate; crescono del 5,3% i ricoveri nei reparti covid emiliano-romagnoli.

Capitolo vaccini, continua la corsa alla terza dose. 2.678 vaccinazioni effettuate il 2 gennaio, in buona parte dosi addizionali. In totale, da inizio campagna, 287.147 prime dosi somministrate, 268.946 seconde dosi e e 127.395 dosi addizionali.

Grande adesione intanto domenica 2 gennaio alla prima giornata di vaccinazioni pediatriche anti-Covid,bambini fascia di età 5-11 anni, al centro vaccinale di Cento. I bambini sono stati accolti dai volontari. Presente anche l’assessore alla Sanità del Comune di Cento Mario Pedaci in rappresentanza dell’amministrazione comunale di Cento.

vaccinazioni pediatriche centro vaccinale cento (5)

 

-AGGIORNAMENTO 2 GENNAIO 2022- Covid, nessun decesso nel ferrarese. Le vaccinazioni non si fermano

Non si sono fermate le vaccinazioni in questi giorni di festa, non si arresta neanche l’espandersi della pandemia ma fortunatamente il primo giorno del 2022 non si sono registrati decessi.

Nel ferrarese, il primo giorno del 2022, si sono registrati 532 nuovi positivi, 129 nuovi guariti e nessun decesso nel ferrarese, come non accadeva da giorni.

E’ quanto emerge dal primo bollettino coronavirus del 2022, riferito al primo gennaio.

Aumenta l’occupazione ospedaliera in territorio estense, 130 posti occupati su 139 posti disponibili a Cona, nel ferrarese sono 20 i posti occupati in terapia intensiva, 104 i ricoverati tra l’ospedale di Cento e del Delta.

L’aggiornamento in Emilia-Romagna registra 9.090 nuovi casi, i ricoveri salgono del 4,8% nei reparti Covid e del 6,8% nelle terapie intensive, dove il 72% dei ricoverati risultano non vaccinati, 894 i nuovi guariti e otto i decessi.

Capitolo vaccini, grazie alle aperture dei centri vaccinali nelle giornate festive, somministrate seimila dosi. Sono seimila le somministrazioni di vaccino contro il Covid 19, effettuate nei giorni della Vigilia (24 dicembre), Natale, Santo Stefano (26 dicembre), ultimo dell’anno e Capodanno (31 dicembre e primo gennaio) in cui i centri vaccinali sono rimasti aperti. 2.654 il giorno dell’ultimo dell’anno, il 31 dicembre, e 502 le dosi somministrate il primo giorno del 2022. In tutto, da inizio campagna vaccinale, 286.934 le prime dosi, 268.627 le seconde dosi e 125.249 le terze dosi.

 

-AGGIORNAMENTO 31 DICEMBRE 2021- Covid nel ferrarese, record di tamponi e nuovi contagi. E-R rimane in zona bianca

Boom di tamponi e di contagi in queste ultime ore dell’anno. L’Emilia-Romagna e il ferrarese rimangono comunque in zona bianca.

Emilia-Romagna confermata in zona bianca, ma si registrano contagi e tamponi record nell’ultimo bollettino coronavirus del 2021. In questa nuova fase dell’epidemia, caratterizzata dalla variante Omicron e dall’alta percentuale di vaccinati, continua quindi la forte crescita dei nuovi contagi cui corrisponde però un aumento dei ricoveri non altrettanto esponenziale.

Nel ferrarese mai registrati questi numeri, 804 nuovi positivi su 1599 tamponi, 118 nuovi guariti e tre decessi in territorio estense. Un comacchiese di 66 anni ricoverato all’ospedale di Cona e un suo conterraneo di 91 anni deceduto nel proprio domicilio, un’altra vittima un ferrarese di 86 anni.

La situazione ospedaliera nel ferrarese non segue il trend esponenziale degli ultimi giorni dei nuovi contagiati, l’occupazione nei nosocomi estensi è stabile. 124 posti occupati sui 128 disponibili a Cona, 68 su 72 al Delta e 38 su 40 a Cento. In totale, in territorio estense, in terapia intensiva si trovano 18 persone su 19 posti disponibili.

L’aggiornamento in Emilia-Romagna e l’analisi dei dati settimanali validati dal ministero della Salute fanno rimanere la regione in zona bianca. Nell’ultimo bollettino però, sono 10.167 i nuovi casi. Rispetto ai 7.088 nuovi casi registrati nel bollettino di giovedì, un aumento del 43% al quale corrisponde una crescita molto più contenuta dei ricoveri: +1% nei reparti Covid e -3% nelle terapie intensive, dove il 74% sono non vaccinati. Nove i decessi a livello regionale, tre di loro sono ferraresi.

Capitolo vaccini in territorio estense. Lunghe code e alcuni disagi all’hub vaccinale di Ferrara Fiere nelle ultime ore del 31 dicembre, dove si vaccina anche il primo gennaio e durante le festività. Boom di dosi somministrate in territorio estense. 3.148 dosi somministrate il 30 dicembre, in totale, da inizio campagna nel ferrarese, 286.773 prime dosi, 268.395 seconde dosi e 122.486 dosi addizionali.

 

-AGGIORNAMENTO GIOVEDì 30 DICEMBRE- Covid nel ferrarese, quattro decessi e 575 nuovi positivi. Boom tamponi

Quattro decessi nel ferrarese, una poggese di 72 anni e tre uomini, rispettivamente di 65, 79 e 80 anni, di Portomaggiore, di Poggio Renatico e di Comacchio, 575 i nuovi positivi in territorio estense su 1.294 tamponi, 82 i nuovi guariti.

E’ quanto emerge dal nuovo bollettino coronavirus nel ferrarese.

La situazione ospedaliera registra 119 ricoverati su 125 posti a Cona, 106 su 112 al Delta e a Cento, 18 le persone in terapia intensiva nel ferrarese.

In tutta l’Emilia-Romagna sono 121 i pazienti attualmente ricoverati nelle terapie intensive regionali, i numeri sono in crescita. Il 73% dei ricoverati non è vaccinato, mentre i restanti sono vaccinati con ciclo completo. A livello regionale, nell’ultimo bollettino, 7.088 nuovi positivi e 1.244 nuovi guariti, venti i decessi a livello regionale.

Capitolo vaccini nel ferrarese. 3.396 le dosi somministrate mercoledì nel ferrarese, in totale da inizio campagna vaccinale, 286.643 prime dosi, 268.026 seconde dosi e 119.837 dosi addizionali.

 

-AGGIORNAMENTO MERCOLEDì 29 DICEMBRE- Covid, nel ferrarese altri 18 ricoveri in ospedale, 2 decessi e 371 positivi

Ancora due decessi, 18 nuovi ricoveri e 371 nuovi positivi. Questo il report del bollettino covid della provincia estense della giornata del 28 dicembre

A perdere la vita una donna di 88 anni di Poggio Renatico ricoverata a Cona il 25 novembre ed un uomo, sempre di 88 anni, di Ferrara, ricoverato al S.Anna nel giorno di Natale. Salgono ora 1.017 le vittime registrate nel territorio estense da inizio pandemia.

A fronte di 371 nuovi positivi, individuati con 946 tamponi refertati, il bollettino segnala 109 nuovi guariti, comunicati dal dipartimento di sanità pubblica.

Al Sant’Anna di Ferrara a Cona l’occupazione è al 97% ed ora ci sono 121 persone ricoverate per covid positivo (con 125 posti letto disponibili). Di questi 13 si trovano in terapia intensiva, dove sono 14 i posti letto attivati

Negli ospedali della provincia di Cento e Lagosanto sono 108 le persone ricoverate per covid: tutti i 40 posti attivati al Santissima Annunziata sono occupati. Al Delta di Lagosanto 68 quelli occupati al Delta di Lagosanto sui 72 disponibili

In Emilia-Romagna si sono registrati 4.134 nuovi casi in più rispetto a ieri, su un totale di 53.364 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti è del 7,7%  I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 113 (+1); 1.305 quelli negli altri reparti Covid (+19)

Intanto a Ferrara e provincia continua la campagna vaccinale: sono state 3.508 le dosi di vaccino somministrate martedì 28 dicembre. Dall’inizio della campagna, sono 286.271 i ferraresi che hanno ricevuto la prima dose; 267.848 i cittadini cui è stata somministrata la seconda dose : 116.991 le persone hanno ricevuto la terza dose.

COMUNICATO REGIONE EMILIA-ROMAGNA del 29 Dicembre 2021

Un documento approvato oggi durante la riunione straordinaria della Conferenza delle Regioni convocata per la gestione dell’emergenza, che contiene alcune precise proposte indirizzate al Governo. Il tema è quello della necessità di ridefinire le regole per isolamento e quarantena e di rimodulare il contact trancing nei contesti ad elevata incidenza.

Ad annunciarlo, l’assessore alle Politiche per la Salute dell’Emilia-Romagna Raffaele Donini che è anche, in seno alla Conferenza, coordinatore della Commissione Salute.

“Le proposte indirizzate al Governo – spiega Donini – sono due: nei casi di soggetti positivi si propone la fine dell’isolamento dopo 10 giorni senza tampone di verifica, purché in assenza di sintomi da almeno 3 giorni. Per i contatti stretti, la proposta invece è di esonerare dalla quarantena i vaccinati con terza dose o chi abbia fatto la seconda dose da meno di 4 mesi, poiché in questi casi il grado di immunizzazione è sufficiente ad assicurare una copertura. Chiediamo inoltre che questa proposta venga considerata anche per la popolazione in età scolastica, in modo da favorire il più possibile la didattica in presenza anche nei casi in cui si registrassero delle positività nelle classi. Le richieste- aggiunge l’assessore- seguono la decisione di alcune Regioni, fra cui l’Emilia-Romagna, di considerare come positività al Covid il tampone rapido svolto in farmacia, nei laboratori autorizzati e presso i medici di Medicina generale, senza necessità di verifica come tampone molecolare”.

L’assessore fotografa il quadro complessivo da cui è emersa la necessità di convocare la riunione straordinaria: “Il dato dei contagi di oggi in Emilia-Romagna, 4.134, segna il record assoluto da inizio pandemia e, stando alle proiezioni, il trend pare in costante aumento, come avviene nella quasi totalità delle regioni italiane. Nonostante  i dati ospedalieri in proporzione non stiano seguendo la stessa intensità dei contagi e siano di gran lunga inferiori persino ai ricoveri registrati durante i picchi pandemici precedenti – per effetto dell’efficacia della campagna di vaccinazione di massa in corso – è del tutto evidente che in valore assoluto assistiamo comunque nell’ultimo periodo ad un costante aumento delle pressione nei reparti Covid e, in misura minore, nelle terapie intensive, occupate peraltro al 75% da persone non vaccinate”.

Per il passaggio in zona gialla dell’Emilia-Romagna Donini ribadisce che saranno decisivi i prossimi giorni, essendo le percentuali di occupazione rispettivamente del 14,49% nei reparti ordinari Covid e del 12,7% nelle terapie intensive, “avendo riguardo- aggiunge- non solo alla dimensione quantitativa dei ricoveri, ma anche alla degenza media che è si è progressivamente ridotta”.

“La gestione dell’emergenza- afferma l’assessore- dato lo straordinario volume dei nuovi casi rende evidente la sproporzione che si è creata tra fabbisogno di tamponi, provvedimenti di isolamento, quarantene e attività di contact tracing, e le risorse di personale a nostra disposizione”.

“Questa situazione impone a tutte le Regioni di ottimizzare e finalizzare al meglio tutte le azioni di contrasto alla pandemia, gestione dei casi e vaccinazione. Vaccinazione che –  chiude Donini – ieri in Emilia-Romagna ha raggiunto la cifra record di 44.510 somministrazioni nel corso della giornata”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *