Covid: nel ferrarese, centomila immunizzati

Un solo nuovo positivo, con sintomi, su 85 tamponi, continua la diminuzione dell’impatto del virus sul nostro territorio come riporta il bollettino più recente.

In regione il ferrarese è dove l’impatto del covid è più basso.

In territorio estense ancora alto il numero dei nuovi guariti, 28 ferraresi. In regione, in totale, sono 145 in più i nuovi casi rispetto al bollettino precedente.

Campagna vaccinale, da venerdì 11 giugno potranno prenotare i 30-34enni, e a seguire con finestre distanziate di due o tre giorni le altre fasce di età.

Ovviamente la possibilità di prenotarsi resterà sempre aperta a partire dalla data di sblocco delle finestre, per consentire a tutti coloro che lo vorranno di ricevere il vaccino.

Prosegue e si rafforza la collaborazione tra l’Azienda USL di Ferrara e le organizzazioni sindacali della Medicina Generale per permettere ai medici di base di contribuire in maniera importante all’applicazione del piano di vaccinazione anti-Covid19.

Oltre a proseguire la somministrazione delle seconde dosi di Astrazeneca agli operatori scolastici e la vaccinazione domiciliare, l’accordo mette nero su bianco la vaccinazione dei cittadini nella fascia di età 50-54 anni, e dell’eventuale inserimento di nuove fasce di età secondo l’evoluzione del piano vaccinale nazionale e regionale, dei caregiver familiari e personale sociosanitario assistenziale delle strutture residenziali (il cui effetto è comunque retroattivo) e degli assistiti dai 55 anni in su, che non abbiano già effettuato la vaccinazione o non siano già in appuntamento presso gli hub vaccinali.

Intanto nel ferrarese sono state, in totale, 4.331 dosi in un giorno che fanno salire a 166.700 i ferraresi che hanno ricevuto almeno una dose e 99.928 cittadini estensi sono immunizzati, circa un ferrarese su tre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *