Da gomma a ferro per rendere sostenibile il trasporto merci e salvaguardare l’ambiente

L’obiettivo è chiaro: trasferire il trasporto merci da gomma a ferro per ridurre l’impatto ambientale e contribuire al contenimento delle emissioni nocive per il pianeta. Il tema è di grandissima attualità e presenta drammatici risvolti, poiché in assenza di drastici e immediati provvedimenti, da qui a 50 anni, secondo l’unanime parere della comunità scientifica internazionale, è la vita stessa e il futuro degli esseri umani e delle altre specie viventi che popolano la Terra ed essere posti a repentaglio.

Ognuno di noi è chiamato a fare la propria parte. E, in quest’ottica, risulta di significativo rilievo l’iniziativa intrapresa da Cargofer, azienda bondenese che dal 2000 opera nel settore della movimentazione merci, per favorire l’adozione di modalità di trasferimento ecocompatibili. Spostare massicciamente il transito delle merci dalla strada alla ferrovia consentirebbe un significativo abbattimento dell’immissione di inquinanti nell’atmosfera e una notevole riduzione del rischio connesso al trasporto stradale.

Nel nostro ambito locale, di particolare rilievo è il trasporto di granaglie, ferro e sabbia. L’obiettivo è quello di potenziare e rendere funzionale il collegamento su rotaia verso il porto di Ravenna per convogliare massicciamente su una rammodernata infrastruttura ferroviaria il traffico delle mercanzie.

Una simile intrapresa potrebbe calamitare i flussi provenienti, attraverso il Brennero, dal centro e nord Europa, e soddisfare le esigenze dei produttori del comparto incluso fra le province di Brescia, Mantova, Verona e Ravenna. Lo strumento per agire in maniera efficace è quella delle “Zone logistiche semplificate” (meglio note come Zls), che il Parlamento ha varato quattro anni fa (legge n.123 del 3 agosto 2017) proprio per favorire un traffico merci ecocompatibile. E nel comparto portuale di Genova, per esempio, il provvedimento ha già dato prova di ben funzionare.

Di questo si ragionerà a Bondeno sabato 13 novembre, a una tavola rotonda che, dalle ore 10, vedrà la partecipazione dell’assessore regionale Andrea Corsini (titolare della delega alle Infrastrutture e ai trasporti), del vicepresidente di Confindustria Emilia Romagna Gian Luigi Zaina, del presidente della Provincia di Ferrara Nicola Minarelli, del presidente di Cna Ferrara Davide Bellotti, con il sindaco Bondeno, Simone Saletti, a fare gli onori di casa e il coordinamento di Ilaria Vesentini giornalista del Sole 24 ore. A dare il benvenuto agli ospiti sarà Alice Pirani, amministratore unico di Cargofer. L’incontro è programmato al Centro polifunzionale di Arte e Cultura di via Fermi 28/A.

Fra gli invitati che già hanno confermato la loro presenza ci sono anche numerosi imprenditori, esponenti delle istituzioni – tra cui i sindaci di Ferrara, di Ostellato, di Terre del Reno – l’assessore alla Sostenibilità del Comune di Cento, nonché i consiglieri regionali Fabio Bergamini e Marcella Zappaterra –, rappresentanti delle organizzazioni sindacali (Cgil, Cisl) e di categoria (Cna), e naturalmente i vertici degli enti di sviluppo territoriale (attesi Camera di commercio e Sipro) e dirigenti di varie pubbliche amministrazioni.

(Comunicato stampa)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *