Da ieri all’ex Teatro Verdi “Eco Corto!”, laboratorio per ragazzi sull’ecologia dell’ambiente e delle relazioni

Ha preso il via ieri (lunedì 14 giugno) per terminare venerdì 18 giugno (orari 14-18) negli spazi di Ex teatro Verdi il laboratorio creativo “Eco corto!”, organizzato dal Centro per le Famiglie del Comune di Ferrara con la collaborazione del Teatro Nucleo. Un’ulteriore sessione verrà fissata tra l’ultima settimana di agosto e la prima di settembre.

Venti ragazzi fra gli 11 e i 16 anni lavoreranno per l’intera settimana utilizzando strumenti propri dell’arte teatrale, del site-specific, dei nuovi linguaggi, fino alla creazione di un cortometraggio finale. Partendo da domande concrete i partecipanti affronteranno il tema centrale delle relazioni dentro e fuori dal proprio ambiente famigliare, impegnandosi a costruire legami ‘ecologici’ nel senso più ampio del termine, dove è ecologico ciò che dà vita a nuove connessioni e che stimola il ragionamento sul nostro modo di intraprendere legami.

“Scopo di questa progetto laboratoriale – afferma l’assessore alla Pubblica istruzione Dorota Kusiak – è in particolare quello di favorire lo scambio di esperienze tra ragazzi e ragazze, offrendo loro l’occasione di frequentare un ambiente ricco di stimoli e del quale siano i protagonisti. Una vera opportunità quindi in questo momento nel quale obiettivo di tutti è ritrovarci con normalità e nel quale è emersa con priorità una richiesta di aiuto da parte delle nuove generazioni, più che mai bisognose di ricomporre il loro legame con la realtà. Proprio a fronte di questo – ha ribadito l’assessore Kusiak – come Amministrazione comunale ci siamo impegnati nel percorso culturale dell’ex teatro Verdi, proponendo un’interazione fatta di concrete modalità di incontro, di crescita e di relazione per aiutare i ragazzi a migliorare la loro creatività e sviluppare e ritrovare nuove e vecchie competenze emotive, sociali ed espressive”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *