Dal Ministero 25 mln di euro per siti culturali. Restyling anche per Piazza Ariostea

Il post su Facebook di Aldo Modonesi
Il post su Facebook di Aldo Modonesi

Venticinque milioni di euro dal Ministero per i Beni culturali per rendere Ferrara e i suoi siti ancora più belli e più attrattivi per il turismo.

Tolti cinque milioni, che andranno per le Delizie della provincia, come Voghiera, Portomaggiore, Argenta e Copparo e gli altri serviranno per migliorare alcuni dei musei della città.

La firma l’ha strappata questa mattina l’assessore ai lavori pubblici del Comune di Ferrara, Aldo Modonesi. Gli accordi con il ministero prevedono che otto milioni andranno a Palazzo Massari. Oltre ai lavori di adeguamento per la sicurezza sismica che sono già in corso, saranno così possibili ulteriori interventi di valorizzazione culturale del sito destinato a riaprire come il secondo museo più importante della città. Altri 3 milioni e mezzo andranno invece a Palazzo dei Diamanti.

Le risorse inoltre permetteranno di cambiare completamente Piazza Ariostea. Nuova illuminazione, gradinate più funzionali saranno fra gli interventi più consistenti da effettuare entro il 2019, grazie al finanziamento di un milione e mezzo di euro. E poi il Mibact ha finanziato i lavori di Santa Maria della Consolazione con altri 700mila euro.

Fra i 20mila euro messi a disposizione del ministero inoltre saranno effettuati inoltre e direttamente dai Beni Culturali, anche interventi al Museo Archeologico e a Casa Romei. Il finanziamento per Ferrara fa parte di un pacchetto di risorse da 70mila euro che il ministero, guidato dal ferrarese, Dario Franceschini ha messo a disposizione non solo per la città estense ma anche per Modena, Reggio Emilia e la Garfagnana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *