DESPAR: arrivano punti pesanti con Santarcangelo

Vittoria sofferta, al termine di una gara dominata, ma con rischio beffa finale

Una beffa rischiata e una vittoria di carattere, tutto nella stessa partita che ha regalato spettacolo ed emozioni sabato sera al Pala 4T di Ferrara. La Despar 4 Torri, spinta dalla voglia di rivalsa dopo il tracollo di Lugo, ha imbrigliato per un tempo intero gli Angels di Santarcangelo nella propria rete, fino al +20 che ha fatto scattare la reazione ospite; ma nel momento in cui si sono avvicinati gli spettri di un’altra rimonta subita in stagione, capitan Osellieri, autore di una prestazione eccellente da 29 punti (12/17 dal campo), e il solito Ghirelli si sono caricati sulle spalle la squadra e hanno conquistato una vittoria fondamentale che tiene vive le speranze per la terza e ultima fase del campionato. La prima parte di gara è stata appannaggio dei padroni di casa, che hanno concesso poco o niente alla Dulca, la quale manda a referto solamente 27 punti in 20 minuti contro i 43 dei granata. Le difese sono molto aggressive, e i primi canestri della sfida arrivano dalla lunetta, fino all’assist di Canelo per l’appoggio di Zaharia, che sblocca il match. Se proseguono gli errori in fase offensiva, d’altro canto a ogni canestro si risponde sul lato opposto, procedendo in sostanziale parità con sorpassi e controsorpassi: è l’ingresso di Osellieri, partito dalla panchina, a spezzare l’equilibrio grazie a un grande impatto sul match. L’assist del capitano granata per il gioco da 3 punti di Zaharia – limitato dai falli per tutta la sfida –dà il via alla fuga dei ferraresi, più pimpanti in attacco e attenti in difesa, dove i cambi aggressivi sui blocchi mettono in grossa difficoltà gli Angels. Kaša, ancora sottotono ma in ripresa rispetto a Lugo (12 punti e 9 rimbalzi per il ceco), mette in ritmo Magnolfi, che dall’angolo mette a segno gli unici tre punti della sua serata, e così la 4 Torri scappa sul 23-9; tra le fila di Santarcangelo sembra crederci il solo Buzzone, che con la tripla e l’appoggio riporta i suoi sotto la doppia cifra di svantaggio alla prima sirena sul 23-14. Gli Angels tentano il cambio di ritmo, e al rientro Mulazzani infila i tre punti del -6 e inizia una sfida nella sfida con Osellieri, che risponde colpo su colpo. Fels si vede però costretto a rinunciare presto a Magnolfi, in panchina per i tre falli commessi, ma la Despar risponde di squadra alle difficoltà. I quattro punti di fila di Kaša ridanno la doppia cifra di vantaggio ai granata, che possono così gestire la partita, nonostante verso la metà del periodo inizi una fase molto confusionaria del match, caratterizzata dalla poca lucidità da parte di entrambe le compagini. Nella mischia entra Canelo, che rimette ordine nell’attacco dei ferraresi e permette loro di scavare il solco, contro una Dulca in difficoltà – vanno a referto, nel quarto, solamente Mulazzani e James, che crea non pochi problemi sotto canestro ai ragazzi di Fels, soprattutto con Zaharia costretto in panchina, anche lui, con tre falli. Canelo colpisce dall’arco in transizione, Ghirelli al secondo tentativo dall’angolo trova la retina per il +18 granata: ancora James interrompe il parziale
Despar, ma alla pausa lunga il tabellone sentenzia 43-27 per la 4 Torri. L’apertura della ripresa vede lo stesso copione: Kaša e Osellieri firmano il +20, ed è qui che qualcosa si inceppa negli ingranaggi granata. La Despar non gioca più di squadra e cade nel solito vizio di affidarsi alle soluzioni personali che non vanno a bersaglio, mentre la Dulca si affida agli incontenibili Chiari e Mulazzani per una reazione rabbiosa che riporta vicino i romagnoli. James (22 punti al termine) da sotto canestro continua a fare male ai lunghi della zona 4 Torri, Nervegna recupera palla e appoggia solitario il 53-47. Despar nel caos: con Zaharia e Magnolfi in panchina con quattro falli a testa, gli Angels trovano pochi ostacoli sul loro cammino e si portano a un passo dai ferraresi sul 55-51. Il capitano Osellieri sigla 10 punti nel periodo e consente, tuttavia, ai suoi di mantenere il vantaggio, e insieme a Kaša chiude il quarto 61-53 per i granata, che sul +8 pensano di aver contrastato il rientro avversario. Ma non è così. È immediato 5-0 con Nervegna e gli unici punti di serata di Ramilli, ben contenuto in zona offensiva; la Dulca è però galvanizzata e James fa -1, quando poi Magnolfi commette il quinto fallo e consegna a Nervegna i due liberi del sorpasso: 61-62, che diventano 64 ancora con Chiari per il parziale ospite di 11-0. Si prospettano da incubo sportivo gli ultimi minuti di partita per la 4 Torri, di gioia per Santarcangelo sulla scia dell’entusiasmo. Quando i possessi iniziano a pesare e con essi le responsabilità la partita cambia nuovamente volto. Ghirelli fa 2/2 ai liberi e con una tripla delle sue riporta avanti i granata. Kaša stoppa Nervegna e dall’altra parte mette un paio di canestri importanti, con Osellieri sempre presente in zona offensiva. I tiri dall’arco degli Angels non trovano la retina, così la Despar ne approfitta e si porta sul +6. Con 2 minuti e 18 da giocare Ghirelli non sfrutta però il tecnico sanzionato alla panchina ospite, e così Kaša fa solamente 1/2 dalla lunetta; anche James inizia a vacillare dalla linea dei liberi, ma a un minuto dalla fine in contropiede infila nuovamente il -2. A questo punto è l’esperienza di Canelo a imporsi sulla partita: penetrazione e assist per Ghirelli, che dall’angolo trova 3 degli 8 punti del periodo (su 18 totali) per il 75-70 che taglia le gambe a Santarcangelo. Sulla rimessa è lo stesso Ghirelli di astuzia a recuperare palla, ma se la fa soffiare da James e, lamentando un fallo, è sanzionato con un fallo tecnico dall’arbitro: con 10 secondi al termine Mulazzani fa -4 dalla
lunetta, riprende il gioco ed è ancora Ghirelli a farsi perdonare con la stoppata sullo stesso Mulazzani. La palla schizza tra le mani di Osellieri, che mette la ciliegina sulla torta: tripla da otto metri sulla sirena per il 78-71 finale. Una prova di carattere e di personalità della Despar, che questa volta non si è fatta sfuggire una partita che era praticamente già vinta: ha risposto di squadra alle avversità e ha lanciato un segnale forte alle altre squadre del girone. Unico rammarico quello di non aver ribaltato la differenza canestri dell’andata per un solo punto. L’importante è mantenere questa determinazione, e proseguire la corsa al quinto posto nella sfida di sabato prossimo a Medicina: dopo tre vittorie di fila in casa è il momento di centrare anche il primo successo dei play-off fuori dalle mura amiche del Pala 4T.

Despar 4 Torri 78 – 71 Dulca Santarcangelo(23-14; 43-27; 61-53)
Despar 4 Torri: Pevere, Osellieri (c) 29, Ghirelli L. 2, Magnolfi 3, Canelo 7, Malfatto n.e., Lesdi n.e., Ghirelli M. 18, Ghirelli D. n.e., Kaša 12, Zaharia 7, Marongiu n.e. All.: Fels.
Dulca Santarcangelo: Mazzotti (c) 3, Mulazzani 15, Nervegna 10, Chiari 13, Ramilli 3, Bonfè n.e., Buzzone 5, Nuvoli, Mancini, Morandotti, James 22, Mari. All.: Bernardi.
Arbitri: Pellegrini, Guerrini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.