DESPAR4T: arriva il tris

Despar 4 Torri 75 – 73 CVD Basket Club-(14-10; 45-32; 55-53)


Despar 4 Torri: Cavazzoni n.e., Osellieri 4, Bianchi 9, Magnolfi, Marongiu n.e., Canelo 19,
Marchetti 4, Demartini (c) 15, Kaša 20, Zaharia 4. All.: Fels.
CVD Basket Club: Rosa 9, Veronesi 18, Tabellini 2, Corradini 6, Vivarelli n.e., Franciosi
n.e., Taddei, Campanella 10, Fuzzi 8, Bertuzzi 9, Lelli (c) 11, Biguzzi n.e. All.: Baiocchi.
Arbitri: Boccia, De Santis.
La Despar 4 Torri non vuole più fermarsi. Dopo le belle vittorie contro Scandiano e
Novellara, sabato sera al Pala 4T i granata di Fels e Marianti hanno centrato la terza vittoria
di fila in campionato, fermando con il punteggio di 75 a 73 la seconda della classe, i
bolognesi del CVD Basket Club di Casalecchio di Reno. In una partita molto spettacolare,
almeno a partire dal secondo quarto, i ragazzi del presidente Moretti hanno tenuto testa ai
tentativi di rientro avversari, guidati da un Kaša ormai incontenibile, da un ritrovato Canelo e
dalla leadership del proprio capitano Demartini, che nel momento più difficile della sfida ha
preso per mano i compagni portandoli alla vittoria.
Il match, nonostante il punteggio finale alto per entrambe le compagini, inizia tuttavia con gli
attacchi a rilento. Il primo quarto è combattuto, e le due squadre rimangono appaiate. Le
difese belle, aggressive e pulite concedono pochissimi canestri, e a 4 minuti dalla prima
sirena la parità a 8 punti indica da principio che la partita sarà tirata fino allo scadere. Quando
i bolognesi, nella seconda metà del periodo, non trovano più la via del canestro, la Despar
scappa sul +6, grazie a ottime soluzioni offensive e difensive; subisce tantissimo, però, a
rimbalzo difensivo contro l’aggressività del CVD, che tuttavia chiude il primo parziale sotto
di quattro lunghezze: 14 a 10 per la 4 Torri. Nel secondo quarto i granata provano a dare un
segnale forte alla partita: Canelo prima e Kaša dopo con due triple firmano il +10,
costringendo coach Baiocchi al time-out. Veronesi (18 alla fine per lui) prova a dare la scossa
ai suoi, ma sull’altro lato del campo Canelo non sbaglia più (19 punti totali), e Kaša è un
cecchino dalla lunga distanza (3/3 nel quarto per 20 punti complessivi). Finalmente la partita
alza il livello dello spettacolo con gli attacchi che si sbloccano: i ritmi sono altissimi, CVD
dimezza lo svantaggio ma Bianchi e il solito Kaša fissano il risultato a metà gara sul 43 a 30
per i granata. Ancora una volta è, però, il terzo quarto a mettere in seria difficoltà i padroni di
casa: se Canelo, con un’altra tripla, trova il massimo vantaggio della partita sul + 14, nella
metà campo difensiva iniziano i problemi, con capitan Lelli che si sblocca e la Despar che
continua a soffrire terribilmente sotto il proprio ferro. Kaša non si arrende e riporta i granata
in doppia cifra di vantaggio, ma i troppi errori condannano la 4 Torri a subire un parziale
pesante da parte dei bolognesi, spronati dal proprio allenatore: palle perse e falli che mandano
in lunetta il CVD permettono agli ospiti di chiudere il penultimo quarto in svantaggio di
solamente 2 lunghezze, sul 55 a 53. È tutto da rifare per la Despar, che sembra ormai aver
ceduto il passo a Casalecchio. Corradini completa la rimonta con i 2 punti e il tiro libero
aggiuntivo che riporta Casalecchio in testa nel punteggio dopo due quarti e mezzo di rincorsa.
Il momento della sfida è delicatissimo, cruciale. E quando il rientro avversario sembra
decisivo per le sorti della partita, sale in cattedra tutta l’esperienza di Demartini (15 punti e 5
palle recuperate), che si carica sulle spalle i granata nel loro peggior momento della partita,
mentalmente e fisicamente: il capitano della 4 Torri si procura falli, serve un bell’assist a

Kaša e ruba due palloni, e la Despar è così incredibilmente sul +5. Il fallo antisportivo
sanzionato in seguito alla difesa bolognese con il conseguente 2/2 di Canelo sembra chiudere
il match, ma sulla successiva rimessa laterale la Despar commette una brutta palla persa che
costringe Bianchi a fermare il contropiede di Lelli con un ulteriore fallo antisportivo. La
stanchezza inizia a farsi sentire. Da una parte Marchetti, Demartini e Canelo cercano di
affondare Casalecchio, che però rimane aggrappata al match con Campanella e Rosa,
entrambi autori di buonissime prestazioni. Marchetti stoppa Corradini, Fuzzi tiene vive le
speranze ospiti, e la Despar non riesce a chiudere la partita come invece era successo nella
precedente sfida a Novellara. A 15 secondi dalla fine il CVD è a due lunghezze di svantaggio,
e Demartini, dalla lunetta, mette a bersaglio un solo libero. Ultimo possesso per i bolognesi:
Tabellini, smarcato al tiro, non infila la tripla del pareggio, ma Lelli cattura il rimbalzo e
subisce fallo. Dalla lunetta il capitano degli ospiti segna il primo e sbaglia il secondo nella
speranza di trovare il rimbalzo offensivo: la Despar va ancora una volta in difficoltà,
Campanella arpiona la palla ma trova l’opposizione di Marchetti, non fallosa secondo gli
arbitri, i quali fanno infuriare la panchina di Casalecchio e i tifosi ospiti giunti a Ferrara in
buon numero. Il fischio non arriva, e la sirena sentenzia una grande e meritata vittoria per la 4
Torri con il risultato di 75 a 73.
Dopo tre vittorie di fila e il quarto posto consolidato, la Despar in piena fiducia è attesa
sabato prossimo dalla trasferta in casa del fanalino di coda del girone, per la nona e ultima
giornata di andata della prima fase: contro l’Omega Basket sarà una sfida pericolosa e,
soprattutto, da non sottovalutare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *