DESPAR4T: arriva la seconda sconfitta

Molino Grassi Magik Basket 89 – 74 Despar 4 Torri(21-19; 46-42; 67-59)


Molino Grassi Magik Basket: Pedron 2, Manzi 10, Parente 5, Malinverni 3, Colonnelli 14, Brogio 3, Gorreri 13, Arbidans 17, Diemmi (c) 12, Tognato 10. All.: Donadei.
Despar 4 Torri: Marongiu, Scuderi 4, Malfatto 5, Ghirelli L. 8, Cavazzoni 11, Ghirelli M. (c) 15, Pevere, Monaldi, Ghirelli D. 2, Zaharia 8, Leopizzi 3, Gavagna 18. All.: Tarquini.
Arbitri: De Santis, Pongiluppi.
Passo in avanti per la Despar 4 Torri, ma non è ancora abbastanza: dopo la disfatta nel derby all’esordio, i ragazzi di coach Tiziano Tarquini si sono arresi 89-74 sul parquet del Magik Basket di Parma, rimanendo in
partita per tre quarti di gioco e mostrando notevoli miglioramenti rispetto alla partita precedente. Pur trascinati da Gavagna, miglior realizzatore di serata con 18 punti, e Cavazzoni, i granata sono stati costretti ad arrendersi a una Molino Grassi che ha mantenuto la freddezza di colpire nei momenti cruciali della partita, mandando tutti i giocatori a segno e chiudendo la sfida di fatto all’inizio dell’ultimo parziale.
Ancora una volta la Despar spinge forte da tre punti nelle prime battute del match, e sorretta da un’ottima
fase difensiva tiene testa ai padroni di casa nel punto a punto di inizio partita. I tre Ghirelli bucano la retina, mentre dall’altra parte Donadei dà già spazio a tutti gli uomini a disposizione nella prima frazione di gioco, per tentare di scardinare la difesa granata, che forza l’attacco parmigiano a scelte difficili e poco efficaci. Il quarto è molto equilibrato, e la Despar potrebbe chiudere in vantaggio, se non fosse per la magia di Colonnelli, che inventa la tripla allo scadere da centrocampo per il 21-19 alla prima sirena. L’intensità rimane altissima, ma è la Molino Grassi a scavare il solco, e con le tre bombe dall’arco di Arbidans (17 al termine per lui) e Parente vola sul 34-23: la 4 Torri si sforza di non mollare la presa, contro un Magik Basket in ritmo che fa sempre canestro. La partita così si fa spettacolare, è colpo su colpo da entrambe le parti, ma, quando gli ospiti riescono a limitare le palle perse, il recupero viene da sé: Cavazzoni (11 alla fine del match per lui) è scatenato, Scuderi fa la voce grossa sotto i ferri, Ghirelli (15) e Gavagna non perdonano le distrazioni offensive della Molino Grassi, fino al -2. Di nuovo, però, la Despar concede punti allo scadere, ed è costretta ad andare al riposo lungo sul 46-42 con il canestro di Manzi (10 punti). Al rientro sul parquet l’inerzia della gara è ancora tutta granata: prima il pareggio, e poi il sorpasso con Gavagna e Zaharia per il 46-51. La chiave dell’inizio di secondo tempo è la difesa della 4 Torri, e il Magik si deve aggrappare ai suoi leader, Colonnelli (14 punti) e Gorreri (13), per rifarsi sotto. La Despar si fa prendere dal momento, e latroppa intensità fa commettere 4 falli troppo presto a Gavagna, il migliore dei suoi in campo. La panchina ospite inizia a scaldarsi con veementi proteste nei confronti della coppia arbitrale, fino all’episodio che mentalmente fa definitivamente uscire i granata dalla partita: tecnico a coach Tarquini e antisportivo a Zaharia. Il Magik Basket rimette la testa avanti, la Despar si scompone e commette tanti falli, mandando in lunetta i padroni di casa, che di rado falliscono il bersaglio. Capitan Ghirelli prova a suonare la carica, ma un altro antisportivo, sanzionato al fratello Luca che ferma il contropiede avversario, permette ai parmigiani di chiudere la penultima frazione sul 67-59. La 4 Torri stacca la spina, mentre la Molino Grassi, sulle ali dell’entusiasmo e nelle sagge mani del capitano Diemmi (12 punti per lui) e di Tognato (10), scappa via: i ferraresi non trovano più soluzioni in attacco, tornano a confrontarsi con lo spettro delle palle perse e in difesa faticano a contenere la travolgente azione del Magik Basket, che colpisce da fuori e da sotto canestro, fino a toccare il massimo vantaggio di +24, con ben sei giocatori in doppia cifra. La sfida ormai è chiusa, e coach Tarquini lascia spazio ai giovani, che riescono a limitare nel finale lo scarto: all’ultima sirena, il tabellone sentenzia 89-74 in favore della Molino Grassi, che così conquista la seconda vittoria in altrettante partite.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *