Despar4T con Ghepard d’obbligo la vittoria

Squadra di bassa classifica, unico rischio prenderla sottogamba

GhediniLa sfida di domenica contro i Ghepard è un’altra partita che la Despar deve affrontare con determinazione e con un unico obiettivo, vincere. I Ghepard sono in fondo alla classifica con due punti, e quindi una squadra che farà il possibile per trovare un po’ di ossigeno, anche e soprattutto per il morale. I “ghepardi” bolognesi hanno vinto solamente con il Gaetano Scirea, sconfitto alla “Alutto” il 25 ottobre scorso e arrivano all’incontro con la Despar dopo la pesante sconfitta di domenica scorsa, in casa di Imola. Le qualità dei bolognesi sono certamente superiori a quanto i due miseri punti in classifica dicono. Elemento di spicco dei bolognesi è Gianluca Ghedini, esterno del 1982, 194 centimetri di formazione Virtus Bologna e nella attuale squadra può giocare dappertutto tranne, forse, da pivot. Ghedini, secondo scorer bolognese con 13 punti di media a partita, è un giocatore esperto, con un passato in Serie A, tra l’altro anche a Ferrara tra il 2001 e il 2003 in A2. Tra le sue doti anche quella di saper distribuire splendidi assist ai compagni. Oltre a lui c’è Stefano Beccaletto (guardia e miglior realizzatore con 14 punti di media) ottimo nel 1 contro 1 e scaltro nel gioco sotto canestro. Sa correre bene in contropiede ed è un valido aiuto a rimbalzo. Vicino a canestro domina per stazza Leonardo Gonzalez, un professionista del basket con una carriera che lo ha portato in giro per l’Italia. Uomo d’area, grandi movimenti spalle a canestro e una visione di gioco importante che lo porta spesso, sui raddoppi, a pescare l’uomo libero per un tiro. Dorjan Tapia completa il reparto dei 3/4. Esperto giocatore di categoria, ha energia e un tiro da tre punti che, se in serata, può fare male. Lottatore d’area per il rimbalzo, sa correre in contropiede e sa farsi trovare pronto all’appuntamento per l’assist. In regia il giovane Mattia Sandrolini bravo a fare giocare i compagni dettando il ritmo al tempo giusto. Se deve costruire per se preferisce il tiro piazzato o in palleggio, l’arresto e tiro. Con queste premesse meglio scordarsi, in fretta, i due soli punti in classifica dei Ghepard e concentrarsi al massimo per continuare la magnifica striscia che dalla seconda giornata viene alimentata senza soluzione di continuità. Partita domenica 29 alle ore 18 nella Palestra “D. Alutto” in via Arcoveggio a Bologna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *