DESPAR4T: gioca bene, ma torna a mani vuote da Santarcangelo

<h3$Santarcangelo 71 – 63 Despar 4 Torri
(12-14; 33-25; 48-45)


Dulca Santarcangelo: Mazzotti (c) 3, Mulazzani 16, Nervegna 6, Chiari 9, Raminelli 22, Bonfè, Buzzone, Nuvoli, Mancini, Morandotti 5, James 6, Piazza 4. All.: Bernardi.
Despar 4 Torri: Pevere, Osellieri (c) 9, Ghirelli L., Magnolfi 8, Canelo n.e., Malfatto 3, Ghirelli M. 15, Ghirelli D. n.e., Kaša 22, Zaharia 6, Marongiu. All.: Fels.
Arbitri: Albertazzi, Gusmeroli.
Sabato pomeriggio è andata in scena una bella e divertente partita al Pala SGR tra i padroni di casa della Dulca Santarcangelo e la Despar 4 Torri Ferrara. Su uno dei campi più difficili e caldi del campionato, dove i romagnoli hanno perso solamente una volta in stagione, i granata hanno sfoderato una prestazione degna di nota, ma sono stati puniti dai soliti errori ingenui già visti nelle partite precedenti: Mazzotti e compagni, invece, si sono dimostrati più cinici nei momenti di maggiore pressione della sfida e, con i 22 punti di Raminelli e i 16 di Mulazzani, hanno portato a casa la vittoria.
Una pioggia di triple apre la partita, a cominciare da quella di Kaša, alla ricerca – andata a buon fine con 22 punti e il 50% dall’arco – del riscatto dopo la prestazione opaca di domenica scorsa contro Lugo; a lui fanno eco Raminelli e poi Magnolfi, e la Despar, con Zaharia che giganteggia sotto i ferri (6 punti e 8 rimbalzi), si mette in fuga sul 3-10. Raminelli non ci sta, e conduce con 8 punti nel quarto i suoi al pareggio, ma non al sorpasso. Con il nuovo vantaggio granata, segue una fase confusionaria, dopo il bell’inizio delle due contendenti: gli Angels perdono molti palloni, mentre i tiri della 4 Torri si spengono sul ferro. In un periodo caratterizzato da tanta corsa e pochi falli (uno per parte), la situazione è sbloccata dai 2 punti di Chiari, ma i ferraresi, tuttavia, riescono a chiudere in vantaggio 12-14 alla prima sirena. Con il secondo parziale, arriva il momento più difficile per la Despar: solamente 11 punti segnati. I granata però iniziano bene con Ghirelli e con Kaša, che infila 4 lunghezze di distacco dopo il primo vantaggio per gli Angels, con la bella combinazione che porta ai 2 punti di Piazza. Il copione è lo stesso del primo periodo: quando la 4 Torri prova a scappare, la Dulca si riporta sotto, fino a trovare la fuga sulle cattive scelte offensive e le palle buttate via della Despar; dai contropiedi che ne scaturiscono gli Angels ne approfittano, trascinati dai 9 punti nel quarto di Mulazzani, e vanno al riposo di metà partita sul 25-33. Al rientro in campo i ragazzi di Fels sono più energici rispetto alla chiusura della seconda frazione. Ancora Kaša, l’unico a trovare la retina con regolarità, e Ghirelli (12 punti dei 15 totali nella seconda metà di gara, ma con basse percentuali) riportano sul -3 una 4 Torri rigenerata. Gioco di squadra e rimbalzi offensivi permettono la rimonta ferrarese; ogni volta, d’altro canto, Santarcangelo ha sempre la freddezza necessaria a bucare la retina, nonostante il momento di maggiore difficoltà nel match: Bernardi è sanzionato con un fallo tecnico per proteste, e dalla panchina granata fa il suo esordio in partita Marongiu, autore di tre eccellenti difese che valgono, sul fronte opposto, il -2 granata con i liberi del capitano Osellieri. Se gli Angels proseguono nella striscia di palle perse, alla Despar manca qualcosa per trovare il canestro del pareggio o dell’aggancio, sprecando tantissime occasioni più che buone. La Dulca torna a respirare con l’antisportivo, fischiato a rimbalzo, ai danni di Luca Ghirelli; un tiro libero a segno per Ramilli e la tripla difficile di Mulazzani sono poi vanificati dalla bomba dall’angolo di Magnolfi. Si va, così, all’ultimo periodo sul 48-45. La Despar ci crede, e con i tre punti di Matteo Ghirelli e il canestro di Osellieri si riporta in vantaggio sul 49-50. La risposta dei romagnoli non tarda ad arrivare con un micidiale parziale 7-0 firmato da Mulazzani, Mazzotti e ancora Ramilli, che torna protagonista con 10 punti nel quarto, dopo un’opaca fase centrale di partita. Gli Angels non hanno subìto il colpo della rimonta ferrarese, che invece sembra aver affaticato molto i granata dal punto di vista fisico e mentale: se Magnolfi tiene lì i suoi con l’appoggio mancino, dall’altra parte del campo Morandotti si iscrive a referto nel miglior momento per Santarcangelo, che va sul +11 con il solito Ramilli. Il tecnico fischiato a Zaharia chiude i conti, nonostante le triple del neoentrato Malfatto e di Ghirelli riavvicinino la Despar a 6 lunghezze di distacco: ma con un solo minuto da giocare e i ferraresi ormai mentalmente fuori dalla partita, gli Angels gestiscono il punteggio fino alla sirena finale, che sentenzia la vittoria dei padroni di casa per 71-63.
Si sono visti dei passi avanti notevoli da parte dei ragazzi di Fels rispetto alla prima partita dei play-off contro Lugo, frutto del lavoro settimanale svolto con grande intensità: la squadra ha dimostrato di giocarsela con tutte le avversarie, in casa e in trasferta, ma sembra che per portare a casa i due punti serva qualcosa in più dal punto di vista della continuità e della concentrazione nei momenti più caldi del match; sono aspetti da analizzare in casa 4 Torri in vista della prossima sfida di sabato, a Ferrara, contro la Virtus Medicina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.