DESPAR4T: il bilancio di Andrea Fels

Il coach granata fa il punto, alla vigilia del ritorno, al termine di un girone di andata che ha visto la sua squadra in crescita, dopo un difficile inizio

Despar 4 Torri, Andrea Fels: “Bravi a riprenderci da un momento negativo, adesso obiettivo playoff”
Alla vigilia della prima giornata di ritorno di C Silver Emilia-Romagna, il coach della Despar 4 Torri Andrea Fels ha fatto il punto della situazione sul campionato, sullo stato della squadra e sugli obiettivi stagionali da raggiungere.
Coach, è terminato il girone d’andata e i tuoi ragazzi sono al terzo posto.
Abbiamo finito nel migliore dei modi. Siamo stati bravi a riprenderci da un momento negativo, che per fortuna è arrivato all’inizio del girone d’andata. Dopo la partita di Anzola
abbiamo avuto qualche problema, e da lì ci sono state le tre sconfitte. Naturalmente è tutto dovuto al fatto che abbiamo una squadra che è nata quest’estate; si aggiungano poi le
problematiche legate al Covid e i giocatori che sono fermi da due anni: per noi è tutta una cosa nuova, quindi ci vogliono tanto tempo e tanta pazienza, soprattutto per creare l’amalgama che ci porti dei risultati. Iniziando a giocare abbiamo cominciato a capire chi siamo, allenamento dopo allenamento e partita dopo partita.
Come affronterete il girone di ritorno?
Il lavoro che abbiamo cominciato a fare, soprattutto dopo le sconfitte, è stato quello sulla
testa dei giocatori e sull’unione del gruppo. L’unica cosa da fare adesso è continuare sotto
questo punto di vista, sapendo che non sarà un girone di ritorno facile, perché le nostre
avversarie sono tutte squadre buone che giocano da tanto tempo insieme. Non ci regalerà
niente nessuno. Siamo una squadra che, oltre ad avere tanti pregi, ha anche dei difetti, e
quando questi difetti vengono fuori ci mettono in difficoltà.
Si può puntare a un buon piazzamento per i playoff?
È già un buon piazzamento quello che abbiamo ottenuto finora, ma c’è un problema: la
classifica è cortissima, con due squadre a 12 punti, due a 10 e due a 8, se le prime cinque
vanno ai playoff non c’è nulla di scontato. Si riparte da zero con altre otto partite, e dobbiamo
essere bravi a tenere le altre squadre dietro di noi, per poi ottenere l’obiettivo di andare ai
playoff.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *