DESPAR4T: non si arresta la caduta

Quarto k.o. consecutivo per il quintetto di Fels, la sosta giunge propizia per ricaricare le batterie

Despar 4 Torri: Pevere 10, Osellieri (c) 19, Magnolfi 3, Marongiu 13, Canelo 20, Malfatto 3, Lesdi, Ghirelli, Kaša n.e., Zaharia 4. All.: Fels.
Pallacanestro Novellara: Ferrari N. 2, Morini 4, Folloni 18, Rinaldi (c) 18, Franzoni 11, Ferrari T. 9, Carpi 12, Ciavolella 6, Brevini, Doddi 2. All.: Boni. Arbitri: Resca, Caravita.
Arriva la quarta sconfitta consecutiva per una Despar 4 Torri in piena crisi dopo la ripartenza del campionato. Si tratta, tuttavia, di uno stop dal sapore molto meno amaro rispetto ai precedenti. I ragazzi “under” granata hanno infatti messo in campo una prestazione superlativa, e lo dimostrano la tripla a segno di Malfatto, i 10 punti di Pevere e i 13 di uno scatenato Marongiu, inseriti pienamente nel gioco dei veterani; a loro si aggiunge l’esordio assoluto del giovanissimo Daniele Ghirelli. Note positive, dunque, che però non sono bastate a contenere i canestri di Folloni e Rinaldi (18 punti a testa), che hanno consentito a Novellara di allungare il distacco in classifica sulla Despar, rimasta a galla per tre quarti e mezzo nonostante le pesanti assenze, su tutte quelle di Kaša ancora fermo per un problema al polpaccio.
Ancora una volta la 4 Torri inizia bene la sfida: la coppia Osellieri – Zaharia dialoga con i tempi giusti in zona offensiva, e la concentrazione è massima. Come nelle ultime uscite, però, è nella metà campo difensiva che si concentrano i maggiori problemi per i ferraresi, soprattutto a rimbalzo, nonostante lo stesso Zaharia lotti su ogni palla e recuperi numerosi rimbalzi. Si segna con regolarità da una parte e dall’altra, con i granata che subiscono le scorribande in area dei reggiani, che con Franzoni trovano il primo vantaggio della partita sul punteggio di 8-11. Alla tripla di Pevere risponde la mano caldissima di Folloni, autore nella prima frazione di ben 15 dei suoi 18 punti totali, e Novellara allunga sul 16-22. La reazione dei padroni di casa è affidata a capitan Osellieri (19 alla fine): Folloni dall’arco prova ad affondare ancora la 4 Torri, ma allo scadere l’altro numero 7 in campo, Magnolfi, infila la tripla del 23-25 della prima sirena. Il match è molto combattuto anche nel secondo quarto, che termina in parità. Se inizialmente la zona di Novellara permette agli ospiti di allungare sul 27-34, Marongiu (8 punti nel parziale dei 13 totali) e Canelo con il passare dei minuti riescono a riportare sotto la Despar, passata nel frattempo alla difesa a uomo. Le due contendenti segnano con regolarità dalla lunga distanza e da ogni punto del campo, e a metà partita gli ospiti sono in vantaggio 41-43. Il copione non cambia nella terza frazione, che vede, però, abbassarsi le percentuali al tiro, nonostante Carpi apra il quarto immediatamente con una tripla. Dopo tre banali palle perse, la Despar si ricompatta ancora nel segno di Marongiu, prima con la bomba dall’arco e poi con due palle recuperate: la 4 Torri ha adesso tra le mani il colpo dell’aggancio o, addirittura, del sorpasso, ma le occasioni sprecate sono tante da parte dei granata, che alla fine agguantano, forse tardivamente, i reggiani sul 48 pari con due liberi di Canelo. La difesa dei padroni di casa è adesso ad altissimi giri, Novellara va in difficoltà e il fallo tecnico sanzionato a Tommaso Ferrari consente alla 4 Torri di ritrovare il vantaggio dalla lunetta con Canelo. Gli ospiti si affidano a un ottimo Carpi per tornare avanti e chiudere in vantaggio di una sola lunghezza, 54-55. L’allungo decisivo per il risultato finale arriva con i due uomini in più per Novellara: Franzoni e Rinaldi (12 punti di 18 nel quarto). Dopo il fulmineo 0-5 di parziale, la Despar tenta a rimanere a contatto, ma sul -4 a 8 minuti dalla fine arriva una bruttissima notizia per i granata: uno di migliori in campo, Canelo, subisce una botta al ginocchio ed è costretto ad abbandonare il terreno di gioco dopo aver realizzato 20 punti e recuperato 5 palloni. La 4 Torri prova a non subire il contraccolpo mentale, ma spende prestissimo i 4 falli concessi nel quarto. La differenza, a questo punto, è dettata dalle percentuali ai liberi: bassissime per la Despar, altissime per Novellara. Osellieri è il primo riferimento offensivo e si carica la squadra sulle spalle, ma gli ospiti mantengono sempre i due possessi di vantaggio, fino a trovare il +9 con Tommaso Ferrari. Osellieri e Pevere ravvivano la piccola fiamma della speranza dei granata di portare a casa l’incontro, ma il parziale di 0-4 dei reggiani chiude definitivamente i conti: 72-82 alla sirena finale, con la Despar che va a perdere anche la differenza punti rispetto alla vittoria per 71-79 ottenuta nel girone di andata a Novellara.
Una buonissima prova di carattere e di squadra della Despar è stata penalizzata da tantissima sfortuna, senza trascurare, tuttavia, i meriti degli ospiti. Una decina di giorni di riposo potrà permettere allo staff granata di valutare le condizioni di Canelo e Kaša, nell’auspicio di vederli nuovamente sul parquet nella partita del 6 marzo a Granarolo, snodo decisivo per la classifica del campionato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.