Detenuto con il telefono in carcere. Secondo caso a Ferrara

Ancora un arresto in flagranza per possesso illegale di un telefono nel carcere di Ferrara. Un detenuto di origine moldava è stato individuato dalla polizia penitenziaria mentre faceva uso illegalmente di un cellulare. Questa mattina l’uomo è stato condotto in udienza e condannato a 12 mesi di reclusione

Il caso è stato scoperto a distanza di una settimana esatta dal primo caso. “Quello dei telefoni si connota sempre più come un fiorente mercato illecito in carcere”spiegano le Procure. “La disponibilità di un cellulare durante il periodo di detenzione, consente di mantenere i contatti con l’ambiente criminale esterno, ad impartire disposizioni criminosi da eseguire al di fuori del carcere”.

Il detenuto, ‘pizzicato’ una settimana fa in possesso di un microtelefono, ha patteggiato la pena di 1 anno, 1 mese e 10 giorni di reclusione.

“Ancora un segnale importante sul fronte della lotta all’introduzione in carcere di strumenti non consentiti, grazie alla professionalità della polizia penitenziaria di Ferrara” hanno sottolineato Giovanni Battista Durante, segretario generale aggiunto del Sappe e Francesco campobasso, segretario nazionale. E’ stato scoperto che, di notte, il detenuto occultava il cellulare in un tavolo dell’amministrazione”.

“Importante la condivisione delle recenti iniziative di polizia giudiziaria da parte della magistratura, con la quale la polizia penitenziaria collabora in maniera sempre più efficace, anche grazie ai nuclei investigativi, regionali e nazionale. Riteniamo che il personale coinvolto nelle predette operazioni vada adeguatamente ricompensato, secondo quanto previsto dall’ordinamento

“Per evitare ulteriori introduzioni di tali apparecchi, bisognerebbe implementare la strumentazione di controllo” – spiega Anna Lamarca, Segretaria Regionale del Sinappe. “Serve un organico adeguato, che invece – continua Lamarca- è sempre più carente, come più volte segnalato dalla nostra segreteria regionale, conclude il sindacato di polizia penitenziaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *