Dire basta, non basta più. Storia di C. e di come si può superare il trauma della violenza

Ho 49 anni ed abito a Ferrara.
Attualmente sono casalinga e sono sposata felicemente. Non ho figli, a causa putroppo della mia storia.
Infatti sono stata vittima di abusi sessuali dall’età di 6 anni fino agli 8 anni circa da parte di un vicino di casa. Anche mia sorella ha avuto la stessa triste esperienza.
All’età di circa 11 anni ho raccontato tutto ai miei, i quali non hanno fatto nulla nemmeno la denuncia.
Sono pertanto vittima senza giustizia.

Questo grave fatto mi ha causato un grave problema di ansia e depressione, oltre a incredibili sofferenze.
Cinque anni fa ho iniziato un percorso di cure e psicoterapia e oggi sono sul cammino della guarigione.
Grazie alla psicoterapia ho capito di essere pronta a condividere il mio vissuto con altre donne, senza vergogna, per renderlo utile ad altre/i.

E’ stato il mio “grande” psicoterapeuta a parlarmi tre anni fa, nel 2017, dei gruppi di auto mutuo aiuto e così mi sono messa alla ricerca.
Ad Ottobre di quell’anno conobbi il gruppo Mai Più di San Giovanni in Persiceto . A Ferrara non esisteva ancora un gruppo per donne che avessero subito violenza.
Fui accolta come in una famiglia,compresa e ascoltata.

Il gruppo di San Giovanni conta oltre 30 donne, all’interno non vi sono specialisti, ma solo donne che condividono un disagio comune: tutti i diversi tipi di violenza.
Ci sono due facilitatrici della comunicazione, una è la dott.ssa Barbara Verasani del Comune di San Giovanni in Persiceto e l’altra è una donna scampata per miracolo ad un femminicidio.

Tutt’oggi frequento il gruppo, mi ha riportato alla vita e mi ha dato un forte sostegno emotivo. Penso che non potrò lasciarlo mai più.
Ma proprio dall’esperienza di San Giovanni è nata in me l’idea di far nascere anche a Ferrara un progetto simile, e così ho iniziato nel 2017 a seguire attività di formazione per facilitare i gruppi di auto-mutuo-aiuto, cui partecipavo.

A Dicembre del 2018, grazie al sostegno del Centro Servizi per il Volontariato (Csv) di Ferrara e all’appoggio di Laura Roncagli, allora Presidente, e di una mia grande amica che ha condiviso con me questa esperienza, è nato il gruppo di A-M-A. “ Dire Basta”.

Oggi vi partecipano 11 donne e spero che aumentino…So che ce n’è bisogno.
Facilito il gruppo ed è per me una cosa bellissima, anche se richiede molta dedizione, impegno e serietà.
Vi sono regole fondamentali che le partecipanti devono osservare: la riservatezza, innanzitutto, mettersi nella condizione di un ascolto attivo dell’altro, sospendere ogni giudizio e pregiudizio; regole elementari, ma non sepre facili da mettere in pratica nelle relazioni quotidiane.
Eppure sono queste le condizioni necessarie per consentire a chi ci parla di aprirsi veramente.
C.V.Ferrara

Questo post è una lettera, che ho ricevuto da C.V., una nuova amica, che si è detta “felicissima” di partecipare a questa iniziativa. “Questo blog mi offre l’occasione di far conoscere, attraverso la mia storia, la possibilità di entrare nel Gruppo “Dire basta”, Gruppo di auto-mutuo-aiuto fra donne che hanno subito violenza. Come tutti i gruppi di auto-mutuo-aiuto, il nostro è uno spazio, dove un dolore, una fatica, una difficoltà che stiamo vivendo , può essere narrata, condivisa e, soprattutto, compresa in quanto vissuta anche dagli altri partecipanti al gruppo”.

Dire Basta, nasce a Ferrara nuovo gruppo di auto aiuto. Ferrara, 15 dicembre

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *