‘Disarmiamo le mafie’. Presentazione del calendario della legalità sabato 23 ottobre alle 15 alla Biblioteca per ragazzi ‘Casa Niccolini’

Torna anche quest’anno l’appuntamento con la Festa della Legalità e della Responsabilità a Ferrara e anche quest’anno il Coordinamento di Ferrara di Libera Associazioni, nomi e numeri contro le mafie partecipa alla tre giorni che si svolgerà dal 22 al 24 ottobre 2021.

Legalità, Responsabilità e Comunità: senza l’una non si danno le altre. Ecco perché tutte e tre sono valori inscritti nel DNA dell’associazione fondata da Don Luigi Ciotti e sono centrali nel suo operare. Una pratica in collaborazione costante con le scuole del territorio per costruire comunità educanti e percorsi di legalità. Per far crescere ragazze e ragazzi nella consapevolezza che la lotta alla criminalità organizzata e alla corruzione è prima di tutto una battaglia culturale che passa dall’essere cittadini responsabili, conoscere e informarsi, per poter esercitare la propria coscienza critica e costruire una comunità libera dalle mafie.

E proprio per valorizzare l’impegno, l’energia e la creatività delle ragazze e dei ragazzi e degli insegnanti che incontriamo ogni anno negli istituti del territorio, quest’anno abbiamo voluto dedicare a loro l’iniziativa “Disarmiamo le mafie. Il nostro viaggio. Presentazione del calendario della legalità”.

Nel constatare l’aumentare del clima di violenza che respirano oggi i giovani nel loro crescere condizionato da una cultura mafiosa e mafiogena, Libera pone al centro l’Educazione come mezzo per togliere alle mafie i suoi strumenti di violenza, non solo fisici, ma anche culturali, investendo in una cultura del ‘disarmo’ che attraverso l’educare a comportamenti di pace, di attenzione ai più deboli e di contrasto alle disuguaglianze possa produrre pratiche di cambiamento.

Da qui è partita l’idea di “Disarmiamo le mafie”, percorso svolto all’interno di conCittadini, il progetto di educazione alla cittadinanza attiva dell’Assemblea legislativa dell’Emilia Romagna con lo scopo di favorire i processi di partecipazione democratica e di impegno civile. “Disarmiamo le mafie” ha visto la partecipazione di più istituti scolastici e Coordinamenti di Libera Associazioni, nomi e numeri contro le mafie nella Regione, grazie al lavoro di raccordo svolto dal Coordinamento per l’Emilia-Romagna.

A Ferrara ci si è concentrati sulla relazione tra diseguaglianze e violenza perché è di questa che approfittano le mafie. Attraverso gli approfondimenti e gli incontri, gli studenti si sono avvicinati a una realtà nuova e sconosciuta, il carcere, sentita spesso dai cittadini come un ‘mondo altro’, una realtà in cui purtroppo le diseguaglianze sono amplificate. La partecipazione attiva e collaborativa dei ragazzi coinvolti ha saputo anche tenere conto delle nuove condizioni nelle quali si sono trovati a operare con la DaD, trasformando in un’opportunità ciò che da principio sembrava essere un limite.

Questo incontro rappresenta non solo e non tanto il termine del cammino percorso insieme, con la presentazione del Calendario della Legalità ideato dagli studenti, ma la speranza di una ri-partenza perché il calendario ideato dalle studentesse e dagli studenti si possa riempire di nuovi appuntamenti, esperienze, riflessioni.

L’appuntamento è per sabato 23 ottobre alle ore 15,00 alla Biblioteca Comunale per ragazzi “Casa Niccolini” (via Romiti, 13), che il Coordinamento di Libera di Ferrara ringrazia per l’ospitalità e che ha realizzato un percorso bibliografico per l’educazione e la diffusione della legalità nella convinzione che le storie abbiano un ruolo fondamentale nella comprensione della realtà e siano strumenti utili anche per promuovere i valori della giustizia, della responsabilità, della libertà, della legalità, tra le giovani generazioni. La bibliografia tematica presenterà contributi di vario genere: libri (fumetti, graphic novel, biografie, romanzi, albi illustrati) e film e sarà esposta dal 23 ottobre al 6 novembre.

Ricordiamo che per accedere è obbligatoria l’esibizione del Green Pass. Le disposizioni non si applicano ai bambini e alle bambine di età inferiore ai 12 anni e a tutti coloro che dispongono di una certificazione medica specifica. Rimangono in vigore le prescrizioni di sicurezza anti-Covid: per l’ingresso è necessaria la misurazione della temperatura, è obbligatorio indossare la propria mascherina e sanificarsi le mani utilizzando gli appositi dispenser di gel igienizzante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *