Documenti falsi a pagamento: avvocato arrestata

Rosanna Cabianco di 52 anni era il punto di riferimento del nord Italia per le pratiche d’immigrazione dei cittadini cinesi. A dirlo Andrea Crucianelli, il capo della squadra mobile di Ferrara che ieri attorno alle 13 ha arrestato la donna.

La Cabianco sembrava una normale cittadina in coda allo Sportello Unico dell’Immigrazione della prefettura di Ferrara. Era qui per svolgere alcune pratiche riguardanti un ricongiungimento familiare in Italia di una minorenne di origine cinese. Ma il personale dell’ufficio si era accorto che qualcosa non quadrava. Le firme riportate sui documenti infatti erano false.

Allora, dopo l’intervento degli agenti della squadra mobile, si è scoperto che la donna, ex avvocato del Foro di Verona, era stata radiata dall’albo per aver falsificato altri certificati per l’immigrazione di cittadini cinesi. Per questo era finita agli arresti domiciliari, scontati fino a poco tempo fa.

Ieri era a Ferrara per svolgere una pratica di ricongiungimento familiare di una minorenne cinese, che sarebbe stata ospitata temporaneamente nella casa di una donna di Copparo. E proprio le firme di questa signora, all’oscuro sulla vicenda, non corrispondevano.

Rosanna Cabianco, residente nel veronese, è stata così arrestata dalla Polizia ma il pubblico ministero Nicola Proto ne ha disposto la liberazione. La donna si faceva pagare anche 10 mila euro per una pratica di ricongiungimento familiare, 3 mila euro per il rinnovo del permesso di soggiorno e 1500 euroo per un visto d’ingresso per il lavoro subordinato.

[flv]http://telestense-view.4me.it/api/xpublisher/resources/weebopublisher/getContentDescriptor?clientId=telestense&contentId=63ff4f99-5a8c-4bfd-b39c-4988da0e0758&channelType=STREAMHTTPFLASH[/flv]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *