Donna ritrovata in golena è “mamma di Angela”?

05 donna annegata ruinaSi infittisce il giallo che da mesi circonda il caso della piccola Angela, il feto ritrovato senza vita sulle sponde del fiume Reno vicino a Gallo il 14 settembre 2011, un corpicino avvolto in un panno a cui poi è stato dato fuoco. Di lei non si sa quasi nulla, a parte la razza caucasica.

I carabinieri per ora lo definiscono un caso irrisolto ma le indagini non si sono mai fermate. Adesso gli investigatori stanno battendo una nuova pista, che si incrocia con il ritrovamento del cadavere di una donna, martedì scorso, nella golena del Po di Ruina.

Un corpo di una ragazza giovane, alta circa 1 metro e 60, che si trovava in acqua da diversi giorni se non mesi. Un cadavere senza identità che adesso si trova in medicina legale.

Il comandante provinciale dei carabinieri di Ferrara, Antonio Labianco, non esclude che si possa trattare del corpo della madre della piccola Angela. Un’ipotesi imprevedibile ora al vaglio degli inquirenti, che incroceranno i campioni di dna della donna con quello del feto ritrovato due anni fa a Gallo.

Solo allora si avranno delle certezze ma per ora l’identità e la storia di queste due persone rimangono sconosciute.

[flv]http://telestense-view.4me.it/api/xpublisher/resources/weebopublisher/getContentDescriptor?clientId=telestense&contentId=64ea1661-962b-4bef-b723-206ca3007d91&channelType=STREAMHTTPFLASH[/flv]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *