Donne in Parlamento: in calo dopo  20 anni

Il Parlamento eletto il 25 settembre scorso avrà meno donne : si passa infatti dal 35% di quello uscito dalle urne nel 2018  al 31% di oggi”. A dirlo all’Ansa è Flaminia Saccà, professoressa di Sociologia dei fenomeni politici all’Università La Sapienza di Roma. È il primo calo in oltre 20 anni, dalla XIV legislatura del 2001 con il 10,17% in leggera crescita sulla precedente, il progresso era stato evidente: 15,94% nella XV, 19,63% nella XVI, 30,11% nella XVII e 35% nella XVIII.

In questa tornata elettorale  le donne hanno anche votato meno. “Sebbene su tutti gli  aventi diritto al voto siano la maggioranza, cioè oltre il 51,7 %, il 25 settembre scorso hanno votato più uomini che donne, vale a dire il 65,74% degli uomini e il 62,19% di donne”. C’è, quindi  una minore propensione al voto da parte delle donne

Women 20 W20 G20 Donne Sabbadini
Women 20 W20 G20 Donne Sabbadini

A spiegarlo è Davide Del Monte di onData Associazione di promozione sociale Promuoviamo l’apertura dei dati pubblici per renderli un bene comune per tuttə. “In quasi 9 comuni su 10 (87,18%) l’affluenza maschile è maggiore di quella femminile. A Napoli  la percentuale di votanti è 52% tra gli uomini e 46% tra le donne. Catanzaro va peggio, con una differenza del 7,26% tra uomini e donne. ”

La vittoria del centrodestra guidato da Giorgia Meloni  è frutto di un voto quindi in prevalenza maschile,. Ma aggiunge la professoressa  Saccà  anche le donne he hanno votato hanno scelto in maggioranza Fratelli d’Italia”

Ed ecco come hanno votato le donne.

Il 27% dell’elettorato femminile ha optato per Fratelli d’Italia. Il 21% per il Pd, il 15% per il M5S. Oltre a ciò va detto che neppure  “I partiti che hanno fatto della parità di genere un punto di forza dei loro programmi, come il Pd, hanno ottenuto risultati che non rispettano la parità di genere.

Secondo i dati resi pubblici da  Azione di Carlo Calenda   tra i futuri parlamentari è donna il 46% per  Italia viva e Azione, il 45% nel Movimento 5 Stelle, il 31% nel  Pd e  Alleanza Verdi-Sinistra, il 30% per  Forza Italia e Fratelli d’Italia e il 29% nella Lega

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *