Dopo la laurea, lavoro sotto i 1000 euro

I lavori che dieci anni fa erano principalmente dei diplomati, oggi toccano ai laureati.  È uno dei tanti effetti della crisi economica.

Il fenomeno è descritto da uno studio dell’Università Bicocca di Milano sull’occupazione dei neolaureati dal 2008 al 2011. Secondo la ricerca, almeno un laureato su due dell’università va a svolgere mansioni legate alla produzione e quindi non verrebbero impiegato in settori specializzati.

Il motivo principale per la ricerca milanese di questa trasformazione è la volontà da parte delle aziende di concentrarsi di più sulla produzione che sugli investimenti. A farne le spese sono gli altri settori, quelli dove è richiesta una maggiore specializzazione: da Ricerca e sviluppo, al marketing, passando per le risorse umane, il settore legale e quello amministrativo.

Lavori quindi che non portano a livelli di retribuzione adeguati: per i neolaureati, secondo lo studio della Bicocca, già raggiungere i mille euro al mese è un’impresa.

[flv]http://telestense-view.4me.it/api/xpublisher/resources/weebopublisher/getContentDescriptor?clientId=telestense&contentId=348af3f9-2d2c-47e4-adcf-9a7a96b3f1ae&channelType=STREAMHTTPFLASH[/flv]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *