Droga, Questore Sbordone: “Spaccio diffuso in Gad è problema della città” – VIDEO

Oltre due tonnellate di droga scoperti una settimana fa dai carabinieri di Comacchio nella spiaggia di Lido di Spina.

La Polizia di stato, invece, che con un lavoro senza sosta da parte degli uomini della squadra mobile, nella notte fra domenica e lunedì ha portato alla luce circa un altro quintale e mezzo di droga.

 

 

Se a tutto questo aggiungiamo gli altri 50 chili di droga scoperti sempre dalla polizia di stato non meno di dieci giorni fa scopriamo che a Ferrara lo spaccio e il consumo di droga è molto diffuso.

I numeri ancora non ci sono in grado di dirci se in città lo spaccio è superiore alla media nazionale ma quel che è certo che a Ferrara il consumo della droga è diffuso e per questo è diffusa la sua vendita illegale, sopratutto nel quartiere del Gad.

Lo stesso questore, ieri, nel corso della conferenza per illustrare la recente operazione che ha portato al sequestro di 120 chili di marijuana in via Marconi, ha evidenziato come il Gad sia il quartiere più difficile della città per lo spaccio diffuso. E per combatterlo, ha detto, servono azioni che lo reprimano, come ad esempio i blitz, ma anche azioni che lo prevengano come le azioni investigative. Due binari paralleli che in questo caso, ma solo in questo caso sottolinea il questore, si incontrano.

Il Gad dunque è il quartiere sorvegliato speciale anche perché lo spaccio diffuso non è solo un problema fra chi vende la droga e chi la assume ma è un grosso problema anche per chi ci vive: il fenomeno infatti crea e attira degrado. Per questo sono arrivati i militari che lo stesso numero uno della sicurezza della città accoglie molto positivamente… Lo spaccio della droga tuttavia è difficile da combattere. Le organizzazioni criminali hanno mezzi e soldi ingenti per riorganizzarsi ogni qualvolta subiscono un contraccolpo dallo Stato. Contraccolpi che spesso – sottolinea lo stesso questore – arrivano grazie alla professionalità e al sacrificio del personale e per questo ringrazia i suoi uomini…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *