Un telone “opera d’arte” per la facciata del Duomo – VIDEO

E’ stato presentato questa mattina alla Sala del Sinodo del Palazzo Arcivescovile di Ferrara, il progetto del telone artistico che ricoprirà la facciata del Duomo, fino al completamento dei restauri.

Una nuova facciata temporanea, in attesa del completamento dei lavori: è stato presentato al Palazzo Arcivescovile di Ferrara il telone che darà un volto al Duomo per il periodo che sarà necessario ai restauri.

A realizzarlo è Lorenzo Cutuli, scenografo e ideatore anche di quello che fu il telone dello scorso anno del Teatro Comunale. L’opera, che l’artista ha voluto dedicare a Don Franco Patruno ed a Franco Farina, definiti “due persone importanti della sua vita”, è un telone che deve raccontare alla città e ai turisti il Duomo stesso, non solo come patrimonio culturale, ma anche come luogo di culto.

Per questo, Cutuli ha elaborato quattro diverse figure, da cui ne è stata scelta una che comunicasse al meglio tutto questo. Il telone, che sostituirà quello attuale nei prossimi mesi, è nato da un’idea del Quotidiano Nazionale – Il Resto del Carlino, con il sostegno di Confidustria Emilia, rappresentata in conferenza dal presidente Alberto Vacchi e dal vice-presidente Riccardo Maiarelli, con il patrocinio del Comune di Ferrara e della Soprintendenza.

Durante l’incontro, il caporedattore del Carlino Ferrara Cristiano Bendin ha sottolineato che la richiesta di un’immagine del Duomo è arrivata dai lettori del quodiano, mentre il sindaco Tagliani ed il vice-presidente di Confidustria Emilia Maiarelli hanno ricordato i tempi in cui la facciata fu oggetto di restauri anche negli anni ’70, per poi stupire i cittadini quando gli stessi lavori vennero completati.

Obiettivo di Monsignor Massimo Manservigi, vicario del vescovo Gian Carlo Perego, è quello di rendere la facciata reale visibile per piccoli gruppi alla gente, attraverso impalcature, che permetteranno di conoscere da vicino, particolari della struttura religiosa. Non ancora definiti i tempi in cui il telone “parlante” sarà esposto alla città, ma è certo che quando avverrà, sarà celebrato come un evento atteso ed importante per Ferrara.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *