Valeria Fedeli a Ferrara: perché un protocollo fra Miur e Meis – VIDEO

fedeliE’ stato firmato dalla ministra, Valeria Fedeli, e da Dario Disegni, presidente del Meis, alla presenza del sindaco di Ferrara, Tiziano Tagliani, del Rettore Giorgio Zauli, dell’assessore dell’Emilia-Romagna a Scuola, Formazione professionale, Università e Ricerca Patrizio Bianchi, e della presidente dell’Istituto di Storia Contemporanea di Ferrara Anna Quarzi, il protocollo su “Attività di collaborazione su iniziative didattiche ed educative rivolte a studenti e docenti della formazione primaria, secondaria e superiore” è il primo passo, hanno detto i firmatari, per coinvolgere l’intero arco della formazione scolastica e universitaria italiana in percorsi che diano concretezza ai temi della cittadinanza e della partecipazione.

Si tratta di un accordo non formale alla cui base ci sono tre ragioni- così ieri la Ministra Valeria Fedeli – ha spiegato il senso della firma al protocollo di collaborazione Miur e Meis: l’importanza di avere conoscenze competenti e certificate della nostra storia, l’imminente 80° anniversario della promulgazione delle Leggi razziali in Italia e il 70° del varo della Costituzione repubblicana. Sono eventi che si collegano e chiamano in causa la necessità delle due Istituzioni di svolgere azioni concordate nell’ottica di una solida cultura storica, dei valori della democrazia e della tutela dei diritti di cittadinanza.

Il Miur, impegnato nella riduzione dell’ineguaglianza e nella promozione dell’inclusione sociale, economica e politica, si assume con questo protocollo l’impegno di diffondere la conoscenza dell’Ebraismo italiano e la memoria della Shoa presso le giovani generazioni. Il Meis sarà coinvolto in attività di alternanza scuola-lavoro per fare del Museo un laboratorio di formazione e cultura, in particolare sui temi della cittadinanza e dell’inclusione delle minoranze, a partire da quella ebraica, con la collaborazione di fondazioni e centri di ricerca, italiani, stranieri e internazionali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *